Image Cross Fader Redux /* BOX POP UP INIZIO */ /* BOX POP UP FINE */
Maria è pozzo d'amore ove l'anima in Cristo s'immerge

In nomine Patris, et Filii, et Spiritus Sancti. Amen.
Orate fratres Deum pro Pontificem Maximo Francisco,
pro exaltatione Sanctae Ecclesiae ac haeresum extirpatione,
pro nationum concordia,
pro principibus christianis,
pro tranquilitate populorum,
ut omnes una aeternis gaudiis tandem perfruamur.
Custodi nos Domine ut pupilam oculi sub umbra alarum tuarum protege nos.
Gloria Patri, et Filio, et Spiritui Sancto. Sicut erat in principio, et nunc, et semper, et in saecula saeculorum. Amen.

Una passo del Vangelo per te

UN PASSO DEL VANGELO PER TE

Il S. Rosario: "Come un amico parla all'amico, come l’innamorata parla all'innamorato"

Il Rosario come compagno di viaggio nella vita quotidiana.
Spesso ci chiediamo come devo pregare il Rosario?
Ecco un modo: “Come un amico parla all'amico, come l’innamorata parla all'innamorato”. L’atteggiamento è quello della scioltezza e della spontaneità, senza annoiarsi di ripetere tante volte le stesse parole, così come gli innamorati si ripetono parole d’amore sempre uguali e sempre nuove.
II Rosario ci introduce nella relazione d’amore delle tre Persone divine e ci apre a uno sguardo contemplativo sull'umanità.
Molte volte i giovani alla proposta di pregare il Rosario reagiscono con frasi, tipo: «Che noia il Rosario!... non riesco a pregarlo... è monotono... mi distraggo in continuazione... è una preghiera che non capisco...».
Dietro a queste espressioni di fatica e di sfiducia, quasi sempre leggiamo un desiderio di imparare a pregare il Rosario, un amore alla persona di Maria di Nazaret, la ricerca di una spiegazione, di un consiglio o di un metodo.
Animati da questa provocazione, abbiamo pensato di raccogliere alcune indicazioni di metodo e di contenuto sulla preghiera del Rosario rivolgendoci in particolare ai giovani che - più di altri - sentiamo sensibili e in ricerca di una via alla preghiera mariana.
A te, giovane, che ti prepari a pregare il Rosario, suggeriamo di fare questo cammino, vuoi provare subito qui? S. Rosario audio video con letture bibliche e Litanie della Madonna ...»

Il metodo
Prendi il Rosario. Il contatto con la cordicella che tiene insieme dei grani non è banale né scontato. Il gesto di portare il Rosario in tasca o come anello al dito dice una fisicità, una memoria, un contatto con il sacro, che parla di una sensibilità, di un gusto interiore, di un legame di amore.
Prova a pensare a un momento significativo della tua giornata – per esempio un incontro, un lavoro, una ricorrenza, una difficoltà - che desideri condividere col Signore. Entra con la tua vita nel mistero della vita di Gesù: guarda come lui ha vissuto quel momento. Lega la tua vita alla vita di Gesù, lasciandoti aiutare dalla preghiera del Rosario.

Il contenuto
Una preghiera evangelica. Il Padre nostro, l’Ave Maria e il Gloria sono tre preghiere che hanno il fondamento nel Vangelo e per questo sono una parola di Dio efficace, che cambia, trasforma e salva.
Con il Padre nostro ringrazi per il dono della vita e metti nelle mani del Padre il tuo quotidiano;
con l’Ave Maria chiedi la grazia e metti nelle mani di Maria le tue richieste e la tua fatica perché lei le porti al Figlio. Con il Gloria chiedi che la tua vita sia a immagine e somiglianza delle tre Persone divine.
Una preghiera insistente. Si tratta di insistere, cioè di stare sopra le stesse preghiere (Padre nostro, Ave Maria, Gloria) per il tempo necessario a far passare la Parola dalla testa al cuore. L’insistenza porta a scendere in profondità, a entrare sempre più intimamente nel mistero che si sta contemplando. E la profondità si raggiunge attraverso la ripetitività, il movimento continuo sulla stessa Parola, ma con desiderio sempre nuovo e diverso.
Una preghiera semplice. Semplice non è sinonimo di facile: la semplicità riguarda la recita continua di tre preghiere, mentre la facilità è in ordine al fine della preghiera: la familiarità con Dio e l’amore alle persone, ed è un dono che si riceve da Dio.
Santa Teresina, con un’immagine semplice e familiare, diceva che «ogni decina del Rosario è un girotondo intorno a un mistero della vita di Gesù»; quindi possiamo mettere la nostra mano in quella di Maria e lasciarci condurre da lei per guardare Gesù come lo guardava lei.


Nessun commento:

Posta un commento