Image Cross Fader Redux /* BOX POP UP PAPA FRANCESCO INIZIO */ /* BOX POP UP PAPA FRANCESCO FINE */
Maria è pozzo d'amore ove l'anima in Cristo s'immerge

In nomine Patris, et Filii, et Spiritus Sancti. Amen.
Orate fratres Deum pro Pontificem Maximo Francisco, pro exaltatione Sanctae Ecclesiae ac haeresum extirpatione, pro nationum concordia, pro principibus christianis, pro tranquilitate populorum, ut omnes una aeternis gaudiis tandem perfruamur.
Custodi nos Domine ut pupilam oculi sub umbra alarum tuarum protege nos.
Gloria Patri, et Filio, et Spiritui Sancto. Sicut erat in principio, et nunc, et semper, et in saecula saeculorum. Amen.

Una passo del Vangelo per te

UN PASSO DEL VANGELO PER TE

Il Rosario, preghiera d'amore

La preghiera è incontro con Dio.
Padre Pio diceva: “Siate delle anime di preghiera. Non stancatevi mai di pregare. È la cosa essenziale. La preghiera fa violenza al Cuore di Dio, ottiene le grazie necessarie!”

Non comprendiamo la potenza della preghiera
Il Rosario è il mezzo privilegiato per toccare il cuore di nostra Madre ed ottenere la sua assistenza in tutte le nostre imprese. Come Ella ci dice nella Sua apparizione a Marienfried: “Pregate e sacrificatevi per mezzo di me! Pregate sempre! Recitate il Rosario! Supplicate il Padre per mezzo del mio Cuore Immacolato!” o ancora a Fatima: “che preghino il Rosario … non c’è alcun problema personale, familiare, nazionale o internazionale che io non possa risolvere se me lo si chiede tramite il Rosario”.

Nella preghiera i figli si mettono a colloquio col Padre
Tutte le persone di buona volontà possono e devono, ogni giorno, recitare il Rosario. E perché? Per metterci in contatto con Dio, ringraziarlo di tutti i suoi benefici e chiedergli le grazie di cui abbiamo bisogno. La preghiera del Rosario ci conduce all'incontro familiare con Dio, come il figlio va a trovare suo padre per ringraziarlo di tutti i benefici ricevuti, per trattare con lui dei suoi affari personali, per ricevere i suoi consigli, il suo aiuto, il suo appoggio e la sua benedizione.
Poiché siamo tutti nella necessità di pregare, Dio ci chiede come misura quotidiana (…) la preghiera del Rosario, che si può fare sia in comunità che in privato, sia in chiesa come in casa, sia in famiglia che soli, sia viaggiando che camminando tranquillamente attraverso campi. (…) La giornata ha ventiquattro ore … Non è esagerato riservare un quarto d’ora alla vita spirituale, per intrattenerci intimamente e familiarmente con Dio!

Agli amatissimi figli di Dio, contestatori della ripetizione
Dio ha creato tutto ciò che esiste, in modo da conservarlo attraverso la ripetizione continua ed ininterrotta delle stesse azioni. Così, per mantenere la vita naturale, noi inspiriamo ed espiriamo sempre allo stesso modo; il cuore batte continuamente seguendo sempre lo stesso ritmo. Gli astri, come il sole, la luna, i pianeti, la terra, seguono sempre lo stesso percorso che Dio ha fissato loro. Il giorno succede alla notte, anno dopo anno, sempre allo stesso modo. La luce del sole ci illumina e ci riscalda, sempre allo stesso modo. Per molte piante, le foglie appaiono in primavera, poi si coprono di fiori, danno dei frutti, ed esse perdono di nuovo le loro foglie in autunno o in inverno.
Così, tutto segue la legge che Dio ha fissato e non è ancora venuta l’idea a nessuno di dire che ciò è monotono e che bisognerebbe dunque farne a meno! Infatti, ne abbiamo bisogno per vivere! Ebbene, nella vita spirituale, abbiamo lo stesso bisogno di ripetere continuamente le stesse preghiere, gli stessi atti di fede, di speranza e di carità, per avere la vita, poiché la nostra vita è una partecipazione continua alla vita di Dio.
Quando i discepoli hanno domandato a Gesù Cristo di insegnar loro ha pregare, egli ha insegnato loro (…) la bella formula del “Padre Nostro”, dicendo: ” Quando pregate, dite: Padre … ” (Luca 11,2). Il Signore ci ha fatto pregare così, senza dirci che dopo un certo numero di anni, avremmo dovuto cercare una nuova formula di preghiera, perché questa sarebbe divenuta superata e monotona.
(…) Se troviamo la preghiera del Rosario monotona, significa che c'è carenza d'amore. A quelli che asseriscono che il Rosario sia una preghiera superata e monotona per la ripetizione delle preghiere che lo compongono, chiedo loro: esiste qualche cosa che viva senza la ripetizione continua delle stesse azioni?


Nessun commento:

Posta un commento