Image Cross Fader Redux

Pellegrinaggio a piedi - Santuario Madonna del Sasso - 8 maggio 2016

Cammino di preghiera per le conversioni

Mancano    al "Cammino di preghiera" del 8/05/2016

Il pellegrinaggio a piedi è la donazione di un sacrificio intimo d'amore nel cammino dell'anima a Dio. Nella fatica fatta preghiera del cammino, nel rumore confuso dei passi, nella contemplazione della poesia del creato, alla luce del sole o sotto un tetto di stelle, c'è un posto anche per te...

Il pellegrinaggio si svolge nella 2/a domenica di maggio di ogni anno, giorno della Festa del Dono, sulle strade del Santuario della Madonna delle Grazie al Sasso, in località Santa Brigida - Pontassieve (Fi).
In questa occasione ogni pellegrino può lucrare per sé o per un defunto una indulgenza plenaria alle condizioni previste.
E' un cammino dove si prega e si canta ininterrottamente, è digiuno e donazione totale in anima e corpo a Dio, giacché anche la fatica fisica si fa preghiera per la salvezza delle anime. E noi sappiamo quanto è preziosa al Cuore di Dio anche una sola anima.
La partecipazione è libera, tutti sono benvenuti e benedetti dalla Madonna. Per grazia di Dio e per libera iniziativa di fedeli devoti alla Madonna delle Grazie al Sasso.

Programma
Ore 7:30: ritrovo al Santuario e distribuzione di:
- programma con preghiere e canti;
- medaglietta della "Madonna Miracolosa" (già benedetta);
- assegnazione della Croce, delle bandiere di segnalazione e delle preghiere.
Ore 8:00 in punto: partenza.
Il "Cammino di preghiera per le conversioni" si svolge in una continuità di canti e preghiere su un anello di circa 5 km (poco più di 2 ore).
Si scende a Lubaco, da dove si svolta a sinistra per Santa Brigida, sostando brevemente presso i 2 tabernacoli poco oltre il bivio.
Da Lucole di S. Brigida si risale al Santuario attraverso il bosco sull'antico, bellissimo e ripidissimo sentiero lastricato in pietra.
Ore 10:15: rientro al Santuario.
Canto finale e preghiera di affidamento alla Madonna delle Grazie nell'Oratorio inferiore, il luogo dove la S. Madre di Dio apparve chiedendo che vi fosse eretta una Chiesa, poi eletta a Santuario.
I Sacerdoti sono disponibili per le Confessioni!
Ore 11:00 S. Messa e congedo.
Ricordo che da un'ora prima della S. Comunione si può ingerire solo acqua, quindi dalle 10:20 in poi niente cibo, caffè, caramelle, ecc.

Con voi in Cristo nostra passione, Franco

  • Pagina dei pellegrinaggi
  • Il S. Rosario: una voce, un cuore

    Il Rosario si recita come si canta nel coro.
    Dio mi doni di far comprendere come, aprendosi alla Grazia che sempre effonde su quelli che lo amano, lo Spirito Santo ispiri deliziosamente ai Misteri nella recita del S. Rosario, giacché questa preghiera così inebriante e articolata, quando viene recitata in gruppo risulta spesso disturbata da personalismi quali il voler primeggiare, il sovrastare di tono, o il recitare coi propri tempi le preghiere. Ciò è realmente mancanza di umiltà di fronte a Dio e agli altri partecipanti.

    E' preghiera del cuore.
    Il Santo Rosario è preghiera meditativa e contemplativa e arma potente contro satana, che sempre la Madonna ha invitato a recitare! E' una preghiera complessa, cioè composta da tante preghiere, al tempo stesso facile e difficile, che induce all'intimità d'amore con le tre Persone della Trinità: Padre, Figlio e Spirito Santo, e con la Vergine Maria. E' facile perché si compone di preghiere ben conosciute, è difficile perché, per lo stesso motivo, è possibile perdere la concentrazione e cedere ad altri pensieri quel tempo riservato a Dio. Se è vero che ciò è perdonabile, è pur vero che questo impedisce la perfetta comunione con il Padre, il Figlio, lo Spirito Santo e con la Vergine Maria, giacché si prega con il cuore più che con le parole, affinché "la bocca non dica parole vane, ma ciò che lo Spirito scalda nel cuore", così che la Coorte Celeste possa divenire in mezzo a noi presenza reale ed Ella stessa preghiera viva.

    Corsi estivi di spiritualità e fitoterapia presso l'Abbazia di Vallombrosa (Firenze)

    Corsi di spiritualità: dal 4 luglio al 27 agosto 2016
    Corso su erbe e salute: dal 29 agosto al 3 settembre 2016
    Organizzazione corsi: P. Mario Aucello

    Abbazia di Vallombrosa - 50066 Vallombrosa (Firenze)
    Tel. 055.862074 (Centro di Spiritualità)
    Tel. 055.862251 (Abbazia)
    Fax 055.86225244
    Email: cs@evallombrosa.it
    Sito uff. www.vallombrosa.it

  • Approfondimenti storici sull'Abbazia
  • Mappa del luogo
  • Coroncina alla Divina Misericordia con audio video e litanie

    L'ora della Misericordia
    Dal Diario di S. Faustina Kowalska, II° quaderno
    «La Mia Misericordia avvolgerà in vita e specialmente nell'ora della morte le anime che reciteranno questa coroncina. Oh! che grandi grazie concederò alle anime che reciteranno questa coroncina: le viscere della Mia Misericordia s'inteneriscono per coloro che recitano la coroncina».
    La Coroncina si recita con la comune corona del Rosario, per consuetudine alle tre del pomeriggio, l'ora in cui la Misericordia sgorga più abbondante. Da qui l'usanza di recitare la Coroncina alle 15:00, ma si può recitarla con fede viva e fiducia sincera a qualunque ora e in ogni tempo o necessità, con certezza di essere ugualmente ascoltati.

    Litanie alla Divina Misericordia

    Una volta, mentre parlavo col direttore della mia anima, in un lampo più veloce di quello di un fulmine, vidi interiormente la sua anima in una grande tribolazione, in un tale tormento, che sono poche le anime che Iddio prova con tale fuoco. Tali sofferenze gli provengono da quest'opera. Verrà un momento nel quale quest'opera, che pure Dio raccomanda tanto, sembrerà in completo sfacelo ed all'improvviso seguirà l'azione di Dio con grande energia, la quale darà testimonianza alla verità. Essa, l'opera, sarà un nuovo splendore per la Chiesa, sebbene esistesse già da molto tempo in essa. Che Dio sia infinitamente misericordioso, nessuno può negarlo. Egli desidera che questo lo sappiano tutti, prima che torni come Giudice; vuole che le anime Lo conoscano prima come Re di Misericordia. Quando si verificherà questo trionfo, noi saremo già nella nuova vita, dove non ci sono sofferenze. Ma prima la tua anima sarà saziata d'amarezze al vedere la distruzione dei tuoi sforzi. Questa distruzione però sarà soltanto apparente, poiché Iddio non cambia quello che ha stabilito una volta. Ma anche se la distruzione sarà apparente, le sofferenze saranno reali. Quando ciò avverrà, non lo so; quanto durerà, non lo so. Ma Dio ha promesso una grande grazia specialmente a te e a tutti "quelli che proclameranno la Mia grande Misericordia. Io Stesso li difenderò nell'ora della morte, come Mia gloria ed anche se i peccati delle anime fossero neri come la notte, quando un peccatore si rivolge alla Mia Misericordia, Mi rende la gloria più grande ed è un vanto della Mia Passione. Quando un'anima esalta la Mia bontà, allora satana ne trema e fugge nel profondo dell'inferno". (Dal "Diario" di Santa Faustina Kowalska, Libreria Editrice Vaticana, pag.161.)
    Le Litanie alla Divina Misericordia, che si pregano al termine della Coroncina alla Divina Misericordia o del Santo Rosario, infondono grande serenità e fiducia nella Misericordia di Dio, presente ed efficace in tutti coloro che vi confidano.
    Se preghiamo da soli, ma anche se preghiamo in due o tre con una buona intesa, la preghiera migliore è da farsi senza alcuna fretta, lentamente, meditando parola per parola, con le pause necessarie, lasciando cioè spazio all'ascolto di Dio.

    Preghiera per ottenere la conversione di un peccatore

    Dal I° quaderno del diario di S. Faustina Kowalska
    Oggi Gesù mi ha detto: Desidero che tu conosca più a fondo l'amore di cui arde il Mio Cuore verso le anime e lo comprenderai quando mediterai la Mia Passione. Invoca la Mia Misericordia per i peccatori; desidero la loro salvezza. Quando reciterai questa preghiera con cuore pentito e con fede per qualche peccatore, gli concederò la grazia della conversione:
    "O Sangue e Acqua, che scaturisti dal Cuore di Gesù come sorgente di Misericordia per noi, confido in Te."

    (Si mediti con cuore umilissimo la passione del Signore, chiedendo anche l'intercessione di Suor Faustina)
    Gesù, verità eterna e nostra vita, come un mendicante imploro la tua Misericordia per un peccatore. Cuore dolcissimo del mio Signore pieno di compassione e di misericordia, io ti supplico per la conversione di.......... O Cuore, sorgente di Misericordia da cui scaturiscono sull'intera umanità raggi di grazie incomparabili, chiedo da te luce per......... che si trova nel peccato. Gesù, ricorda l’amara tua passione e non permettere che vada perduta quest'anima riscattata a così caro prezzo col tuo sangue. O Gesù, quando medito il grande valore del tuo sangue, io mi rallegro di una simile grandezza perché, sebbene il peccato sia un abisso di ingratitudine e di cattiveria, tuttavia il prezzo che ne fu pagato è infinitamente più grande del peccato.

    Dal Diario della Divina Misericordia di S. Faustina Kowalska - Quaderno I° (estratti)

    Diario di Santa Sr. Faustina Kowalska
    I° QUADERNO

    Un giorno Gesù mi disse che avrebbe fatto scendere il castigo su di una città, che è la più bella della nostra Patria. Il castigo doveva essere uguale a quello inflitto da Dio a Sodoma e Gomorra. Vidi la grande collera di Dio e un brivido mi scosse, mi trafisse il cuore. Pregai in silenzio. Un momento dopo Gesù mi disse: «Bambina Mia, unisciti strettamente a Me durante il sacrificio ed offri al Padre Celeste il Mio Sangue e le Mie Piaghe per impetrare il perdono per i peccati di quella città. Ripeti ciò senza interruzione per tutta la S. Messa. Fallo per sette giorni ». Il settimo giorno vidi Gesù su di una nuvola chiara e mi misi a pregare perché Gesù posasse il Suo sguardo sulla città e su tutto il nostro paese. Gesù diede uno sguardo benigno. Quando notai la benevolenza di Gesù, cominciai ad implorarne la benedizione. A un tratto Gesù disse: «Per te benedico l'intero paese» e fece con la mano un gran segno di croce sulla nostra Patria. Vedendo la bontà del Signore, l'anima mia fu inondata da una grande gioia.

    22 febbraio 1931. La sera, stando nella mia cella, vidi il Signore Gesù vestito di una veste bianca: una mano alzata per benedire, mentre l'altra toccava sul petto la veste, che ivi leggermente scostata lasciava uscire due grandi raggi, rosso l'uno e l'altro pallido.

    Dal Diario della Divina Misericordia di S. Faustina Kowalska - Quaderno II° e III° (estratti)

    Diario di Santa Sr. Faustina Kowalska
    II° QUADERNO

    Una volta ebbi il dubbio che una cosa che m'era capitata avesse offeso gravemente Gesù. Siccome non ero in grado di rendermene conto, decisi di non accostarmi alla Santa Comunione finché non mi fossi confessata, sebbene avessi immediatamente espresso il mio dolore per l'accaduto. Ho infatti l'abitudine di manifestare il mio dolore dopo ogni minima mancanza. Nei giorni in cui non mi accostai alla santa Comunione non avvertii la presenza di Dio, soffrii indicibilmente per questo motivo, ma lo sopportai come punizione per il peccato. Quando mi confessai, ricevetti un rimprovero, avrei potuto accostarmi alla santa Comunione, dato che quello che mi era capitato non era un impedimento a riceverla. Dopo la confessione, mi comunicai e tutto ad un tratto vidi Gesù che mi disse queste parole: «Sappi, figlia Mia, che per non esserti unita a Me nella santa Comunione, Mi hai procurato un dispiacere maggiore di quella piccola mancanza».

    Il 23 marzo. La mattina, durante la meditazione, m'investì la presenza di Dio in maniera particolare, mentre riflettevo sulla grandezza incommensurabile di Dio e nello stesso tempo sul Suo abbassarsi fino ad una creatura. A un tratto vidi la Madonna che mi disse: «Oh, quanto è cara a Dio l'anima che segue fedelmente l'ispirazione della Sua grazia!