Image Cross Fader Redux

Regola di Sant'Agostino (italiano e latino)

“Fratelli carissimi, si ami anzitutto Dio e quindi il prossimo, perché sono questi i precetti che ci vennero dati come fondamentali.” - S. Agostino - Regola, 1

S. Agostino, nel percorrere il suo cammino di esperienza umana e cristiana, approdò a una particolare intuizione di Vita monastica, conformata allo stile degli Apostoli e della prima comunità cristiana di Gerusalemme, e fissò il suo pensiero in merito scrivendo un testo intitolato appunto "Regola per i servi di Dio" che è precisamente quello qui riportato.
La “Regola agostiniana” è un codice stabile di norme che organizzano e orientano la Vita Comune sulla base dei Consigli Evangelici di Povertà, Castità, Obbedienza.
Il movente che spinse alla composizione della "Regola" è certamente da vedersi in relazione con i Monasteri fondati da Agostino e che richiamavano continuamente le sue attenzioni e premure.
La data esatta che stabilisce l'origine di questo autorevole testo non ci è tramandata e non è facile stabilirla, comunque sono molte le ragioni che ci orientano verso un periodo abbastanza preciso per cui certamente non si è lontano dal vero se si colloca verso l'anno 400, nel momento più fecondo e intenso della vita pastorale e culturale del Vescovo Agostino.

Biografia di Santa Monica, madre di Sant'Agostino d'Ipponia (27 agosto)

Nel Martirologio Romano, 27 agosto, n.1: Memoria di santa Monica.
Data ancora giovinetta in matrimonio a Patrizio, generò dei figli, tra i quali Agostino, per la cui conversione molte lacrime versò e molte preghiere rivolse a Dio e, anelando profondamente al cielo, lasciò questa vita a Ostia nel Lazio, mentre era sulla via del ritorno in Africa.
Nacque in una famiglia profondamente cristiana e di buone condizioni economiche. Le fu concesso di studiare e lei ne approfittò per leggere la Bibbia e meditarla.
Sposatasi con Patrizio, un modesto proprietario di Tagaste, non ancora battezzato, il cui carattere non era buono, e che spesso le era infedele, con la sua indole mite e dolce poté vincere le asprezze del marito, che nel 371 si convertì al cristianesimo e si battezzò. Patrizio morì l'anno seguente; Monica aveva 39 anni e dovette prendere in mano la direzione della casa e l'amministrazione dei beni.

Biografia di Sant'Agostino d'Ipponia (28 agosto)

Nel Martirologio Romano, 28 agosto, n.1: Memoria di sant'Agostino, Vescovo e insigne Dottore della Chiesa
Convertito alla fede cattolica dopo una adolescenza inquieta nei princípi e nei costumi, fu battezzato a Milano da Sant'Ambrogio e, tornato in patria, condusse con alcuni amici vita ascetica, dedita a Dio e allo studio delle Scritture. Eletto poi vescovo di Ippona in Africa, nell'odierna Algeria, fu per trentaquattro anni maestro del suo gregge, che istruì con sermoni e numerosi scritti, con i quali combatté anche strenuamente contro gli errori del suo tempo o espose con sapienza la retta fede. »

Dalla nascita alla conversione (354-386)
Era figlio, forse primogenito, di un consigliere municipale e modesto proprietario di Tagaste nella Numidia. Se, come sembra, fu africano di razza oltre che di nascita, fu certamente romano di lingua, di cultura, di cuore. Studiò a Tagaste, a Madaura e, con l'aiuto del concittadino Romaniano, a Cartagine. Insegnò grammatica a Tagaste (374) e retorica a Cartagine (375-383), a Roma (384), a Milano (autunno 384-estate 386): qui come professore ufficiale. Conobbe a fondo la lingua e la cultura latina, non ebbe familiare il greco, ignorò il punico.
Educato cristianamente dalla piissima madre, Monica, restò sempre, nell'animo, un cristiano, anche quando, a 19 anni, abbandonò la fede cattolica.

28 agosto Sant'Agostino di Ipponia

Dalle Confessioni di Sant'Agostino. Libro primo
Invocazione a Dio: Come invocare Dio?

Cap. 1. 1.
Tu sei grande, Signore, e ben degno di lode; grande è la tua virtù, e la tua sapienza incalcolabile. E l’uomo vuole lodarti, una particella del tuo creato, che si porta attorno il suo destino mortale, che si porta attorno la prova del suo peccato e la prova che tu resisti ai superbi. Eppure l’uomo, una particella del tuo creato, vuole lodarti. Sei tu che lo stimoli a dilettarsi delle tue lodi, perché ci hai fatti per te, e il nostro cuore non ha posa finché non riposa in te. Concedimi, Signore, di conoscere e capire se si deve prima invocarti o lodarti, prima conoscere oppure invocare.
Ma come potrebbe invocarti chi non ti conosce? Per ignoranza potrebbe invocare questo per quello. Dunque ti si deve piuttosto invocare per conoscere? Ma come invocheranno colui, in cui non credettero? E come credere, se prima nessuno dà l’annunzio?. Loderanno il Signore coloro che lo cercano?, perché cercandolo lo trovano, e trovandolo lo loderanno. Che io ti cerchi, Signore, invocandoti, e t’invochi credendoti, perché il tuo annunzio ci è giunto. T’invoca, Signore, la mia fede, che mi hai dato e ispirato mediante il tuo Figlio fatto uomo, mediante l’opera del tuo Annunziatore.


Tardi ti ho amato (Sant’Agostino)

“Tardi ti ho amato, o Bellezza sempre antica e sempre nuova, tardi ti ho amato! Ed ecco tu eri dentro di me e io ero fuori e là ti cercavo ed io nella mia deformità mi gettavo sulle cose ben fatte che tu avevi creato.
Tu eri con me ed io non ero con te.
Quelle bellezze esteriori mi tenevano lontano da te e tuttavia se esse non fossero state in te non sarebbero affatto esistite. Tu mi hai chiamato e hai squarciato la mia sordità; tu hai brillato su di me e hai dissipato la mia cecità. Tu hai emanato la tua fragranza e io ho sentito il tuo profumo e ora ti bramo.
Ho gustato e ora ho fame e sete.
Tu mi hai toccato e io bramo la tua pace”.

(Sant’Agostino)

Medjugorje: messaggio dell'apparizione del 25 agosto 2014 a Marija

Ultimo messaggio della Madonna di Medjugorje

a Marija Pavlovic
Cari figli! Pregate per le mie intenzioni perché satana desidera distruggere il mio piano che ho qui e rubarvi la pace. Perciò, figlioli, pregate, pregate, pregate affinché Dio possa operare attraverso ciascuno di voi. I vostri cuori siano aperti alla volontà di Dio. Io vi amo e vi benedico con la mia benedizione materna. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

Video preghiera "Angelus" con testo

L'Angelo del Signore portò l'annuncio a Maria. Ed Ella concepì per opera dello Spirito Santo.

Ave, o Maria.

Eccomi sono la serva del Signore, si compia in me la tua parola.

Ave, o Maria.

E il verbo si fece carne, e venne ad abitare in mezzo a noi.

Ave, o Maria.

Prega per noi, Santa Madre di Dio, perché siamo resi degni delle promesse di Cristo.
Preghiamo
Infondi nel nostro spirito la tua grazia, o Padre, tu che con l'annuncio dell'Angelo ci hai rivelato l'incarnazione del tuo Figlio, per la sua Passione e la sua Croce, guidaci alla gloria della risurrezione.
Per Cristo nostro Signore.
Amen.

(3) Gloria al Padre.

Video preghiera "A Maria prima del riposo notturno" con testo

O Vergine, si fa tardi, tutto si addormenta sulla terra, è l’ora del riposo: non abbandonarmi!

Metti la Tua mano sui miei occhi come una buona madre. Chiudili dolcemente alle cose di quaggiù.

L’anima mia è stanca di affanni e di tristezze, la fatica che mi attende è qui a me vicina.

Metti la Tua mano sulla mia fronte, arresta il mio pensiero. Dolce sarà il mio riposo, se benedetto da Te.

Perché domani il Tuo povero figlio si desti più forte e riprenda allegramente il peso del nuovo giorno.
Metti la Tua mano sul mio cuore. Lui solo vegli sempre e ridica al Suo Dio un amore eterno.

(P. Claude Wittock)