Image Cross Fader Redux
Ciascuno di noi è un messaggio che Dio manda al mondo (P. G. Vannucci OSM)
OREMUS Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio, Santa Madre di Dio: non disprezzare le suppliche di noi che siamo nella prova, ma liberaci da ogni pericolo, o Vergine gloriosa e benedetta.

Una passo del Vangelo per te

UN PASSO DEL VANGELO PER TE

Biografia breve di Gabrielle Bossis

Gabrielle Bossis (Nantes: 1874 - 1950) apparteneva alla nobiltà francese e non le mancavano i mezzi per vivere secondo le sue inclinazioni e i suoi talenti. Si dedicò alla musica, al teatro e alle belle lettere. Era amante della caccia, dello sport, delle danze e dei viaggi. Ciò nonostante si mantenne fervente, umile e amante di Dio e tutte le sue attività ebbero come scopo il bene della società.
Nel periodo tra le due guerre mondiali, si dedicò alla composizione di drammi e commedie per divertire ed edificare la gente con temi di vita cristiana vissuta. La sua compagnia teatrale in giro per la Francia le portò tale fama, che una volta ebbe un rammarico: “Se avessi fatto del cinema, invece che teatro, chissà quale fama a quest’ora...”. Una Voce l’interruppe: “Tu appartieni esclusivamente a me”.
Il suo confessore scoprì le virtù nascoste in quell'anima semplice e a più riprese cercò di suggerirle la vita consacrata in un convento, ma Gabrielle non si arrese mai a una vocazione a cui non si sentiva chiamata, come si oppose decisamente a ogni proposta di matrimonio. Era stata chiamata da Dio a una vita di santità cui sono invitati tutti, non solo i religiosi, ma anche i laici.
Qualche rara volta durante la gioventù fu sorpresa da una voce misteriosa che la lasciava titubante, ma non essendone sicura, non ci badava.
Nell'agosto del 1936, sul transatlantico "Ile de France" in viaggio per il Canada, la voce la chiamò “Mia figliolina!...”. Aveva 62 anni! La voce si fece sempre più frequente e insistente e una nuova "presenza" invase la sua vita. Gentilmente e con grande dolcezza, la voce - ormai era sicura che fosse quella di Gesù - le chiese di “Cedere a Lui tutto il posto nel suo cuore” e suggerì che volendolo, “Il paradiso potrebbe cominciare anche subito”.
Il Maestro le chiese di scrivere sotto dettatura, quello che divenne il libro "Lui et moi" (Lui e io).
La prima edizione fu pubblicata nel luglio del 1949. Nell'agosto dello stesso anno l'autrice affrontò un'operazione chirurgica per un tumore al seno. Nel marzo 1950 il tumore si era esteso anche ai polmoni. Gabrielle con grande serenità accettò l'ultima prova. Si spense a settantasei anni, la notte del Corpus Domini, fra l'8 e il 9 giugno del 1950. Fu sepolta a Fresne. Sulla sua tomba Gabrielle stessa anni prima aveva posto un'iscrizione: "O Cristo, fratello mio/ lavorare accanto a te/ soffrire con te/ morire per te/sopravvivere in te".
Il diario è un dialogo tra Gesù e Gabrielle fatto esclusivamente di parole d’amore, è un dialogo permanente d’amore. Gesù parla a Gabrielle di se stesso come Dio-Uomo, Dio incarnato, forte e debole insieme, debole per amore! Gesù, come Dio, parla del Padre, dello Spirito Santo, dell’opera della salvezza, di come Dio ami infinitamente gli uomini. Parla di se stesso come Salvatore, della sua storia già fissata nel Vangelo, della sua vicenda umana: della sua vita nascosta e della sua vita pubblica. Gesù ci mostra anche il suo modo proprio di sentire, desiderare, amare: di come lo ha fatto e di come per sempre, lo fa e lo vive. Del suo lato più straordinario e più proprio, che è quello umano. Il modo umano di Dio, di vivere, sentire e amare. Gesù parla di Gabrielle, della vita quotidiana di Gabrielle. Sia delle vicende esterne, dei suoi tempi, sia del suo mondo interiore. Gesù dichiara il suo desiderio di unione con lei.
E Gabrielle? Gabrielle assomiglia a Maria di Betania, che sta ai piedi di Gesù per ascoltare le sue parole. Ma anche lei parla: parla senza timore di se stessa, della sua vita, del desiderio di appartenere a Cristo e di vivere intimamente unita a Lui. Gabrielle dichiara il suo amore per Gesù, il bisogno di essere guidata e illuminata da Lui e gli manifesta con confidenza le sue gioie insieme alle fatiche del viveregli confida ogni situazione, piccola e grande. E’ su questo terreno che il dialogo si fa profondo e fecondo. Sembra appunto che nulla della sua vita disinteressi a Gesù. Lui, semmai, è una guida amorevole e ammirevole che passo dopo passo, guida, orienta e corregge il suo cammino. Questo aspetto di Dio, questa sua ricerca d'amore, si traduce e si trasforma in un ritornello ricorrente: quello della “sete”. Dio ci cerca così tanto … ci desidera così tanto che chiama questa ricerca e questo desiderio: “sete”. Dio ha sete di Gabrielle, delle anime, di ogni sua creatura ha sete d'amore!

Post correlati:
Lui e io: diario spirituale di Gabrielle Bossis

Nessun commento:

Posta un commento