Image Cross Fader Redux /* BOX POP UP PAPA FRANCESCO INIZIO */ /* BOX POP UP PAPA FRANCESCO FINE */
Maria è pozzo d'amore ove l'anima in Cristo s'immerge

In nomine Patris, et Filii, et Spiritus Sancti. Amen.
Orate fratres Deum pro Pontificem Maximo Francisco, pro exaltatione Sanctae Ecclesiae ac haeresum extirpatione, pro nationum concordia, pro principibus christianis, pro tranquilitate populorum, ut omnes una aeternis gaudiis tandem perfruamur.
Custodi nos Domine ut pupilam oculi sub umbra alarum tuarum protege nos.
Gloria Patri, et Filio, et Spiritui Sancto. Sicut erat in principio, et nunc, et semper, et in saecula saeculorum. Amen.

Una passo del Vangelo per te

UN PASSO DEL VANGELO PER TE

Sul Kyrie eleison ...

Proponiamo ai frequentatori del blog una nostra stringata e incompleta sintesi di uno studio di Emmanuela Zurli, sul “Kyrie eleison".
L’invocazione biblica a Dio, che ci ama come una madre. (Rassegna di Teologia 51 (2010) 215-232). Si può essere d’accordo o meno con la studiosa, in ogni modo, si tratta di un esempio di come la traduzione è capace di attirare intorno a sé le più vaste tematiche ermeneutiche. Lo studio della Zurli si propone di verificare significato e contesto originari dell’invocazione di origine biblica Kyrie eleison, tradotta nella liturgia: “Signore, pietà”.
 Sin dall'indagine semantica, condotta sul linguaggio originario e le successive traduzioni, sia da quella contestuale, svolta sui Vangeli, risulta che l’invocazione si rivolge all'amore “materno” di Dio e non nasce da una richiesta di perdono dei peccati. L’autrice, quindi, suggerisce di tradurla : “Signore, amami teneramente”. Se risaliamo alla lingua originaria dell’invocazione, l’aramaico, ci rendiamo conto che nella prima traduzione in greco, a cui ha fatto seguito quella in latino e quindi, nelle lingue moderne si sono verificati due fenomeni: l’occultamento del carattere materno di Dio nonché l’accentuazione della colpevolezza umana. L’invocazione ricorre dieci volte nei Vangeli sinottici ed è rivolta a Gesù (Mt 9,27; 15,22; 17,15; 20,30-31 [2x]; Mc 10,47-48 [2x]; Lc 17,13; 18,38-39 [2x]). L’invocazione non ci è giunta nella sua lingua originale (l’ebraico/aramaico) ma soltanto nella sua versione greca: Kyrie eléēson.
Al verbo greco utilizzato nell'invocazione è sotteso un termine ebraico con cui nell'Antico Testamento veniva descritta la componente materna dell’amore di Dio. Infatti il più delle volte il verbo eléēo traduce l’ebraico rhm, che viene usualmente reso con “provare misericordia”, “sentire pietà”, “provare tenerezza”, “commuoversi”, “amare (teneramente)”.
Notiamo però che tutte le volte che eléēson appare nei Vangeli, è stato reso con il verbo latino misereri. In questo modo non è scomparso soltanto il riferimento all’amore materno di Dio che l’invocazione vuole suscitare, ma è stato spostato l’accento sulla colpevolezza dell’uomo. Il collegamento della peccaminosità al Kyrie eleison è entrato anche nella prassi della spiritualità, sia ortodossa che cattolica, delle Chiese cristiane di lingua greca. Se, come abbiamo detto sopra, la Zurli suggerisce di tradurre l’invocazione in questione “Signore, amami teneramente”, più avanti dice: “Appurata la mancanza, nelle lingue moderne, di un termine unico che renda sia la componente materna sia il profondo coinvolgimento contenuti nell’espressione originaria, una soluzione è forse lasciare l’invocazione, consapevoli del suo significato più autentico, nella lingua nella quale la tradizione cristiana l’ha tramandata per quasi duemila anni, il greco”.

Nessun commento:

Posta un commento