Image Cross Fader Redux /* BOX POP UP PAPA FRANCESCO INIZIO */ /* BOX POP UP PAPA FRANCESCO FINE */
Maria è pozzo d'amore ove l'anima in Cristo s'immerge

In nomine Patris, et Filii, et Spiritus Sancti. Amen.
Orate fratres Deum pro Pontificem Maximo Francisco, pro exaltatione Sanctae Ecclesiae ac haeresum extirpatione, pro nationum concordia, pro principibus christianis, pro tranquilitate populorum, ut omnes una aeternis gaudiis tandem perfruamur.
Custodi nos Domine ut pupilam oculi sub umbra alarum tuarum protege nos.
Gloria Patri, et Filio, et Spiritui Sancto. Sicut erat in principio, et nunc, et semper, et in saecula saeculorum. Amen.

Una passo del Vangelo per te

UN PASSO DEL VANGELO PER TE

Pubblicità sul sito di Radio Vaticana

Cristo ci chiede di metterci in gioco: o con Dio o con mammona. Ognuno, se crede, faccia la sua parte ed esprima sotto la guida dello Spirito Santo il proprio dissenso per la pubblicità commerciale conto terzi sui siti cattolici, scrivendo a quei siti che pur definendosi tali somigliano sempre più a dei "bazar".

E-mail inviata al sito di Radio Vaticana il 14 nov. 2015:

Gentile Webmaster di Radio Vaticana,
Le invio questa mail, pregandola di girarla al Direttore.

Quale delusione trovare pubblicità commerciale anche sul sito che è la voce ufficiale del S. Padre...
C'è proprio bisogno di questo? Non credo, ma l'impressione è che perfino qui si sia ceduto alla logica del profitto.
Ma si può forse conciliare la Parola di Dio e quella del Vicario di Cristo con la pubblicità? No.
E si può forse conciliare la necessità di nutrire lo spirito, desiderio che Dio stesso infonde, con valutazioni affaristiche? No, assolutamente, giacché la pubblicità sui siti cattolici, non sposta forse sulla materialità il confine dell'etica cristiana, dal momento che, se e quando la cristianità è sostenuta dagli affari, anziché essere sostenuta dal solo amore di Cristo per le anime, accosta la conversione anche al piano materiale, estromettendo parimenti lo Spirito Santo passo dopo passo?
Tra 30 o 40 anni potremmo anche avere banner pubblicitari sui muri delle chiese... non sia mai! Tra 10 anni sarà invece probabile trovare più contenuti commerciali che spirituali su alcuni siti "pseudo" cattolici, che si trasformeranno pian piano in e-shop con l'immagine cristiana.
E' un carico di responsabilità che investe tutti i credenti e per questo vi scrivo, auspicando che vogliate riconsiderare questo argomento unicamente per il bene delle anime.
Vi sostenga lo Spirito Santo nel ricordo di Gesù, che scacciò i mercanti dal tempio affinché la Chiesa fosse la casa del Padre, non "piazzaffari".
(E-mail firmata)

Aggiornamento del 9 gennaio 2016
Da un controllo odierno parrebbe che il sito Radio Vaticana non contenga più nella home, al momento, i banner pubblicitari dell'ENI, né altri banner di terzi, fatta eccezione per una piccola pubblicità di articoli devozionali e similari, accettabilissima. Ne siamo molto lieti.

Teófilo

Nessun commento:

Posta un commento