Image Cross Fader Redux
Ciascuno di noi è un messaggio che Dio manda al mondo (P. G. Vannucci OSM)
OREMUS Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio, Santa Madre di Dio: non disprezzare le suppliche di noi che siamo nella prova, ma liberaci da ogni pericolo, o Vergine gloriosa e benedetta.

Una passo del Vangelo per te

UN PASSO DEL VANGELO PER TE

Ite ad Joseph: chi vuole grazie ricorra a San Giuseppe e sarà esaudito

19 marzo, festa del papà.
La Chiesa ricorda San Giuseppe, ma a Lui è anche dedicato...
il bel mese di Ottobre, non solo è dedicato a Maria Santissima attraverso la recita tanto raccomandata e da Ella stessa e dai Santi e dai Sommi Pontefici del S. Rosario, ma è consacrato anche al Suo Castissimo sposo S. Giuseppe. Leone XIII infatti decretò che nel mese di ottobre ogni cristiano dopo la recita del S. Rosario in ginocchio e dopo le litanie, sempre in ginocchio vi recitasse la bella orazione dedicata al Padre Putativo del Redentore e Custode purissimo della Vergine Immacolata, accordando l’indulgenza parziale ad ogni recita della medesima e l’indulgenza plenaria alle solite condizioni per tutti quelli che l’avessero recitata per un mese intero. Per ottenere il trionfo della S. Chiesa e grazie insperate la consiglio a tutti, da recitare in ginocchio tutte le sere, magari innanzi una bella immagine del S. Patriarca. La propongo di seguito:

Orazione a S. Giuseppe
A Te, o beato Giuseppe, stretti dalla tribolazione, ricorriamo, e fiduciosi invochiamo il tuo patrocinio dopo quello della tua santissima Sposa. Deh! Per quel sacro vincolo di carità, che Ti strinse all'Immacolata Vergine, Madre di Dio, e per l’amore paterno che portasti al fanciullo Gesù, riguarda, Te ne preghiamo, con occhio benigno la cara eredità, che Gesù Cristo acquistò col suo Sangue, e col tuo potere ed aiuto sovvieni ai nostri bisogni.
Proteggi, o provvido custode della divina Famiglia, l’eletta prole di Gesù Cristo: cessa da noi, o Padre amatissimo, codesta peste di errori e di vizi, che ammorbano il mondo; assistici propizio dal cielo in questa lotta col potere delle tenebre, o nostro fortissimo protettore; e come un tempo scampasti dalla morte la minacciata vita del pargoletto Gesù, così ora difendi la santa Chiesa di Dio dalle ostili insidie e da ogni avversità; e stendi ognora sopra ciascuno di noi il tuo patrocinio, acciocché al tuo esempio e mercé il tuo soccorso, possiamo virtuosamente vivere, piamente morire e conseguire l’eterna beatitudine in cielo. Cosi sia.

Post correlati:

San Giuseppe, approfondimenti:

Nessun commento:

Posta un commento