Image Cross Fader Redux /* BOX POP UP PAPA FRANCESCO INIZIO */ /* BOX POP UP PAPA FRANCESCO FINE */
Maria è pozzo d'amore ove l'anima in Cristo s'immerge

In nomine Patris, et Filii, et Spiritus Sancti. Amen.
Orate fratres Deum pro Pontificem Maximo Francisco, pro exaltatione Sanctae Ecclesiae ac haeresum extirpatione, pro nationum concordia, pro principibus christianis, pro tranquilitate populorum, ut omnes una aeternis gaudiis tandem perfruamur.
Custodi nos Domine ut pupilam oculi sub umbra alarum tuarum protege nos.
Gloria Patri, et Filio, et Spiritui Sancto. Sicut erat in principio, et nunc, et semper, et in saecula saeculorum. Amen.

Una passo del Vangelo per te

UN PASSO DEL VANGELO PER TE

Lunedì 24 giugno 2013: dal Vangelo secondo Luca (1,57-66.80)

Natività di San Giovanni Battista, solennità - Anno C
"Che sarà mai questo bambino?"
Per Elisabetta si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva esaltato in lei la sua misericordia, e si rallegravano con lei.
All'ottavo giorno vennero per circoncidere il bambino e volevano chiamarlo col nome di suo padre, Zaccaria. Ma sua madre intervenne: «No, si chiamerà Giovanni». Le dissero: «Non c'è nessuno della tua parentela che si chiami con questo nome».
Allora domandavano con cenni a suo padre come voleva che si chiamasse. Egli chiese una tavoletta, e scrisse: «Giovanni è il suo nome». Tutti furono meravigliati. In quel medesimo istante gli si aprì la bocca e gli si sciolse la lingua, e parlava benedicendo Dio.
Tutti i loro vicini furono presi da timore, e per tutta la regione montuosa della Giudea si discorreva di tutte queste cose. Coloro che le udivano, le serbavano in cuor loro: «Che sarà mai questo bambino?» si dicevano. Davvero la mano del Signore stava con lui.
Il fanciullo cresceva e si fortificava nello spirito. Visse in regioni deserte fino al giorno della sua manifestazione a Israele.


MEDITA
Nella Liturgia cristiana, soltanto di Giovanni Battista, oltre che di Gesù e della Vergine Santa, si celebra il giorno della nascita. Infatti quest’anno, capitando di Domenica (XII T.O.), la Solennità prevale anche sul rito domenicale.

La figura di Giovanni Battista è strettamente legata a quella di Gesù, la figura del Precursore a quella dell’Atteso Messia. Ed è Gesù stesso a delinearne la figura e l’importanza nel progetto redentivo pensato da Dio Padre:”non una canna sbattuta dal vento…nè semplicemente un profeta..ma il più grande tra i nati di donna” (Lc:24,26).

La sua nascita ha del miracoloso, perché Dio forza le leggi della natura, cioè l’età avanzata dei suoi genitori e la sterilità di Elisabetta. L’Angelo nel preannunziarlo al padre Zaccaria nel Tempio, ne traccia il DNA spirituale e insieme i contorni della figura:”..sarà grande agli occhi di Dio; non berrà vino o bevanda inebriante, e sarà riempito dello Spirito fin dal seno materno:” (Lc.1,15). Ed è ancora l’Angelo a delinearne la missione: ”Ricondurrà molti al Signore, loro Dio …; riporterà i cuori dei padri versoi figli, i ribelli alla sapienza dei giusti, per preparare al Signore un popolo ben disposto:” (Lc.1,16.17). Dopo l’esperienza del deserto e il tirocinio di penitenza, il Battista appare sulle rive del fiume Giordano per compiere la sua missione delineata dal padre Zaccaria nel cantico della “Benedizione a Dio”. “Chiamato Profeta dell’Altissimo, andrà innanzi al Signore a preparargli le strade,per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza ,nella remissione dei suoi peccati.” (Lc.1,76.77).

E ad alta voce invita tutti a “… preparare le vie del Signore, a spianare i sentieri, a riempire le valli, ad abbassare i colli, e a raddrizzare le vie tortuose, perchè ogni uomo possa vedere la sua salvezza” (Lc.3,5.6). A chi arriva a lui e gli chiede la ricetta per cambiare vita,egli risponde,dai capi del popolo ai soldati. Si pone in grande umiltà nella sua dimensione,affermando di …”non essere il Messia..che battezza con acqua, mentre colui che verrà sarà più forte di lui, e egli non è degno neppure di sciogliergli i lacci dei suoi calzari..” (Lc.3,16). E quando sulle sponde del Giordano si presenta Gesù per essere battezzato con gli altri, Giovanni sentirà ed esprimerà la sua indegnità, e sentirà anche la voce dal Cielo che riaffermerà la identità di Colui che egli ha battezzato con l’acqua del fiume.

Anche Erode tetrarca ha stima di Giovanni, e un certo timore riverenziale di lui, ma sa che il Battista non accetta compromessi di nessun tipo, il quale aveva sanzionato pubblicamente il suo concubinato con Erodiade, la moglie di suo fratello Filippo (Mt.14,3). Con autorità Erode fa arrestare il Battista, ma non va oltre, temendo le reazioni del popolo che stimano Giovanni un Profeta. Ma Erodiade, ferita nel volto e nell’animo, è lì a preparare la vendetta. E questa arrivò con una la festa di ballo, in cui Erode imbambolato dal ballo di Salomè, figlia di Erodiade, si giocò la vita di Giovanni, regalandole, per sua richiesta, la testa su un piatto d’argento (Mt.14,1). Ciò però non spegnerà la voce del Precursore, perché “il più grande tra i nati di donna”, continuerà a parlare attraverso la voce di Colui che egli ha indicato come “l’Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo”.
Giovanni Battista fu martire di giustizia e di verità, non si arrese al compromesso. E sembrò che “la testa dell’ultimo dei profeti avesse più ragione sul piatto che sul collo”.

(P.Mazzolari)

Si ringrazia per la meditazione: www.passionisti.org
-----------------------------------------------------------

"Si deve partire per un'avventura in cui chi calcola le cose non sei tu"
Don Giussani

Nessun commento:

Posta un commento