Image Cross Fader Redux /* BOX POP UP PAPA FRANCESCO INIZIO */ /* BOX POP UP PAPA FRANCESCO FINE */
Maria è pozzo d'amore ove l'anima in Cristo s'immerge

In nomine Patris, et Filii, et Spiritus Sancti. Amen.
Orate fratres Deum pro Pontificem Maximo Francisco, pro exaltatione Sanctae Ecclesiae ac haeresum extirpatione, pro nationum concordia, pro principibus christianis, pro tranquilitate populorum, ut omnes una aeternis gaudiis tandem perfruamur.
Custodi nos Domine ut pupilam oculi sub umbra alarum tuarum protege nos.
Gloria Patri, et Filio, et Spiritui Sancto. Sicut erat in principio, et nunc, et semper, et in saecula saeculorum. Amen.

Una passo del Vangelo per te

UN PASSO DEL VANGELO PER TE

Festa della Divina Misericordia

Divina Misericordia, Festa della Divina Misericordia, Coroncina della Divina Misericordia, Santa Faustina Kowalska, Diario di Santa Faustina Kowalska, Giovanni Paolo II, Chiesa di Santo Spirito in Sassia,
Seconda Domenica di Pasqua: Festa della Divina Misericordia, dono di Cristo.
La Festa della Divina Misericordia è una festa straordinariamente ricca di grazie voluta da Gesù stesso, come atto della sua straordinaria Misericordia verso le anime, e fu trasmessa il 22 Febbraio 1931 a Suor Faustina Kowalska per l'umanità. Suor Faustina Kowalska fu santificata da G. Paolo II il 30 aprile 2000.

E' la più importante di tutte le forme di devozione alla Divina Misericordia.
Gesù parlò per la prima volta del desiderio di istituire questa festa nel 1931, quando suor Faustina Kowalska si trovava a Plock, trasmettendole questa volontà: "Io desidero che vi sia una festa della Misericordia. Voglio che l'immagine, che dipingerai con il pennello, venga solennemente benedetta nella prima domenica dopo Pasqua; questa domenica deve essere la festa della Misericordia" (Q. I, p. 27).
Negli anni successivi - secondo gli studi di don I. Rozycki - Gesù è ritornato a fare questa richiesta addirittura in 14 apparizioni successive, definendo con precisione il giorno della festa nel calendario liturgico della Chiesa, la causa e lo scopo della sua istituzione, il modo di prepararla e di celebrarla come pure le grazie ad essa legate.
La scelta della prima domenica dopo Pasqua ha un suo profondo senso teologico: indica lo stretto legame tra il mistero pasquale della Redenzione e la festa della Misericordia, cosa che ha notato anche suor Faustina: "Ora vedo che l'opera della Redenzione è collegata con l'opera della Misericordia richiesta dal Signore" (Q. I, p. 46). Questo legame è sottolineato ulteriormente dalla novena che precede la festa, che inizia il Venerdì Santo.
Gesù ha spiegato la ragione per cui ha chiesto l'istituzione della festa: "Le anime periscono, nonostante la Mia dolorosa Passione (...). Se non adoreranno la Mia misericordia, periranno per sempre" (Q. II, p. 345).
Si va incontro alla festa con la novena alla Divina Misericordia, che inizia il Venerdì Santo. Questa novena è stata desiderata da Gesù ed Egli ha detto a proposito di essa che "elargirà grazie di ogni genere" (Q. II, p. 294).

Per quanto riguarda il modo di celebrare la festa, Gesù espresse due desideri:
a) - che il quadro della Misericordia sia quel giorno solennemente benedetto e pubblicamente, cioè liturgicamente, venerato;
b) - che i sacerdoti parlino alle anime di questa grande e insondabile misericordia Divina (Q. II, p. 227) e in tal modo risveglino nei fedeli la fiducia.
Ha detto Gesù: "Sì, la prima domenica dopo Pasqua è la festa della Misericordia, ma deve esserci anche l'azione ed esigo il culto della Mia misericordia con la solenne celebrazione di questa festa e col culto all'immagine che è stata dipinta" (Q. II, p. 278).
Una particolare grazia è legata alla Comunione ricevuta quel giorno in modo degno: la remissione totale delle colpe e castighi. Questa grazia - spiega don I. Rozycki - è qualcosa di decisamente più grande che la indulgenza plenaria. Quest'ultima consiste infatti solo nel rimettere le pene temporali, meritate per i peccati commessi (...). E' essenzialmente più grande anche delle grazie dei sei sacramenti, tranne il sacramento del battesimo, poiché‚ la remissione delle colpe e dei castighi è solo una grazia sacramentale del santo battesimo. Invece nelle sue promesse Gesù ha legato la remissione dei peccati e dei castighi con la Comunione ricevuta nella festa della Misericordia, ossia da questo punto di vista l'ha innalzata al rango di "secondo battesimo".
E' chiaro che la Comunione ricevuta nella festa della Misericordia deve essere non solo degna, ma anche adempiere alle fondamentali esigenze della devozione alla Divina Misericordia" (R., p. 25). La comunione deve essere ricevuta il giorno della festa della Misericordia, invece la confessione - come dice don I. Rozycki - può essere fatta prima (anche qualche giorno). L'importante è non avere alcun peccato. Questa grande ricchezza di grazie e benefici non è stata da Cristo legata ad alcuna altra forma di devozione alla Divina Misericordia.
Numerosi sono stati gli sforzi di don M. Sopocko affinché questa festa fosse istituita nella Chiesa. Egli non ne ha vissuto però l'introduzione. Dieci anni dopo la sua morte, il card. Franciszek Macharski con la Lettera Pastorale per la Quaresima (1985) ha introdotto la festa nella diocesi di Cracovia e seguendo il suo esempio, negli anni successivi, lo hanno fatto i vescovi di altre diocesi in Polonia. Il culto della Divina Misericordia nella prima domenica dopo Pasqua nel santuario di Cracovia - Lagiewniki era già presente nel 1944. La partecipazione alle funzioni era così numerosa che la Congregazione ottenne l'Indulgenza plenaria, concessa nel 1951 per sette anni dal card. Adam Sapieha.
Dalle pagine del Diario sappiamo che suor Faustina fu la prima a celebrare individualmente questa Festa, con il permesso del confessore.

L'essenza del culto della Divina Misericordia

A) Fiducia
Caratterizza il nostro atteggiamento verso Dio e non esprime soltanto la speranza, ma anche la fede viva, umiltà, perseveranza e pentimento per le colpe commesse. Si tratta quindi di un atteggiamento filiale, per cui l'uomo in ogni situazione si fida senza riserve dell'amore Misericordioso e dell'Onnipotenza del Padre Celeste. La fiducia è un elemento essenziale della devozione alla Divina Misericordia, senza il quale tale devozione non potrebbe esistere. Alla base di essa infatti sta proprio un atto di fiducia. Anzi, già il solo atteggiamento di fiducia (anche senza la pratica di altre forme di culto) assicura le grazie della Misericordia di Dio.
Diceva il Signore: "Desidero concedere grazie inimmaginabili alle anime che hanno fiducia nella Mia Misericordia" (D 687).
"Ho aperto il mio cuore come una viva sorgente di Misericordia, tutte le anime vi attingano la vita, si avvicinino con grande fiducia a questo mare di misericordia. I peccatori otterranno la giustificazione e i giusti verranno rafforzati nel bene. A colui che avrà posto la sua fiducia nella mia Misericordia, nell'ora della morte colmerò l'anima con la mia pace Divina" (D. 1520).
La fiducia non solo costituisce l'essenza, il fondamento della devozione alla Divina Misericordia, ma è anche una condizione per poter ricevere le grazie.
Gesù spiegava a Santa Faustina: "Le grazie della mia Misericordia si attingono con un solo recipiente e questo è la fiducia. Più un'anima ha fiducia, più ottiene. Sono di grande conforto per me le anime che hanno una fiducia illimitata, e su tali anime riverso tutti i tesori delle mie grazie. Sono contento quando chiedono molto, poiché è mio desiderio dare molto anzi moltissimo (D. 1578). L'anima che confida nella mia Misericordia è la più felice, poiché io stesso ho cura di lei (D. 1273). Nessun'anima, che ha invocato la mia Misericordia, è rimasta delusa né confusa. Ho una predilezione particolare per l'anima che ha fiducia nella mia Bontà" (D. 1541).

B) Misericordia
Caratterizza il nostro atteggiamento verso ogni uomo.
Gesù Cristo ha detto a Santa Faustina: "Esigo da te atti di Misericordia, che debbono derivare dall'amore verso di Me. Devi mostrare Misericordia sempre e ovunque verso il prossimo: non puoi esimerti da questo, né rifiutarti, né giustificarti. Ti sottopongo tre modi per dimostrare Misericordia verso il prossimo: il primo è l'azione, il secondo è la parola, il terzo è la preghiera. In questi tre gradi è racchiusa la pienezza della Misericordia ed è una dimostrazione irrefutabile dell'amore verso di Me. In questo modo l'anima esalta e rende culto alla mia Misericordia" (D. 742). Gli atti di carità verso il prossimo costituiscono una condizione necessaria per ricevere le grazie. Ricordava Gesù il suo insegnamento racchiuso nel Vangelo: "Se un'anima non pratica la Misericordia in qualunque modo, -  - non otterrà la mia Misericordia nel giorno del giudizio. Oh, se le anime sapessero accumulare per sé tesori eterni, non verrebbero giudicate, prevenendo il mio giudizio con la Misericordia!" (D. 1317).
Gesù Cristo desidera che i suoi fedeli compiano almeno un atto di Misericordia al giorno. In questo modo aiutano il prossimo e ricordano agli uomini l'infinita Misericordia di Dio.
Gesù a Santa Faustina: "Sappi, Figlia mia, che il mio cuore è la Misericordia stessa. Da questo mare di Misericordia le grazie si riversano sul mondo intero. Nessun'anima che si sia avvicinata a Me, è ripartita senza essere stata consolata. Ogni miseria affonda nella mia Misericordia e da questa sorgente scaturisce ogni grazia salvifica e santificante... Desidero che questa Misericordia si riversi sul mondo intero tramite il tuo cuore. Chiunque si avvicina a te, non parta senza la fiducia nella mia Misericordia che desidero tanto nelle anime. Prega quanto puoi per gli agonizzanti; impetra loro la fiducia nella mia Misericordia, poiché essi hanno più che mai bisogno della fiducia e ne hanno tanto poca. Sappi che la grazia della salvezza eterna di alcune anime, all'ultimo momento, è dipesa dalle tue preghiere.
Tu conosci tutto l'abisso della mia Misericordia; attingi perciò da esso per te e soprattutto per i poveri peccatori" (D. 128-129).

Nessun commento:

Posta un commento