Image Cross Fader Redux /* BOX POP UP INIZIO */ /* BOX POP UP FINE */
Maria è pozzo d'amore ove l'anima in Cristo s'immerge

In nomine Patris, et Filii, et Spiritus Sancti. Amen.
Orate fratres Deum pro Pontificem Maximo Francisco,
pro exaltatione Sanctae Ecclesiae ac haeresum extirpatione,
pro nationum concordia,
pro principibus christianis,
pro tranquilitate populorum,
ut omnes una aeternis gaudiis tandem perfruamur.
Custodi nos Domine ut pupilam oculi sub umbra alarum tuarum protege nos.
Gloria Patri, et Filio, et Spiritui Sancto. Sicut erat in principio, et nunc, et semper, et in saecula saeculorum. Amen.

Una passo del Vangelo per te

UN PASSO DEL VANGELO PER TE

Programma con diretta webTV della visita di Papa Francesco in Turchia

Fuso orario
Roma: +1 UTC
Ankara: +2 UTC
Istanbul: +2 UTC

Venerdì 28 novembre
9:00 Partenza in aereo dall'Aeroporto di Roma Fiumicino
13:00 Arrivo all'Aeroporto Esemboğa di Ankara
Accoglienza ufficiale
Visita al Mausoleo di Atatürk
Palazzo Presidenziale
Cerimonia di benvenuto
Visita di cortesia al Presidente della Repubblica
Incontro con Autorità
Udienza con il Primo Ministro
Visita al Presidente degli Affari Religiosi al Diyanet
Clicca su PLAYLIST per visualizzare l'elenco dei video
Sabato 29 novembre 2014
9:30 Partenza in aereo dall'Aeroporto Esemboğa di Ankara
10:30 Arrivo all'Aeroporto Internazionale Atatürk di Istanbul
Visita al Museo di Santa Sofia
Visita alla Moschea Sultan Ahmet
Santa Messa nella Cattedrale Cattolica dello Spirito Santo
Preghiera Ecumenica nella Chiesa Patriarcale di San Giorgio
Incontro privato con S.S. Bartolomeo I nel Palazzo Patriarcale
Domenica 30 novembre 2014
Santa Messa in privato nella Delegazione Apostolica
Divina Liturgia nella Chiesa Patriarcale di San Giorgio
Benedizione ecumenica e Firma della Dichiarazione congiunta
Pranzo del Santo Padre con SS. Bartolomeo I al Patriarcato Ecumenico
16:45 Congedo all'Aeroporto Atatürk di Istanbul
17:00 Partenza in aereo dall'Aeroporto Internazionale Atatürk di Istanbul
18:40 Arrivo all'Aeroporto di Roma Ciampino

La logica dell’incontro - Editoriale del Direttore dell'Osservatore Romano 

Sono viaggi essenziali quelli di Francesco, e per questa caratteristica il loro modello principale è quello di Paolo VI, il predecessore che mezzo secolo fa ne ha fatto un aspetto innovativo del papato contemporaneo. Evidente sin dalla visita a Lampedusa e fino a quella recentissima a Strasburgo, l’essenzialità ha segnato il viaggio in Turchia secondo una cifra particolare e tipica di Bergoglio, e cioè la logica dell’incontro personale.

Il Papa l’ha evocata parlando alla fine della Divina liturgia celebrata al Fanar per la festa di sant’Andrea, ma è nel segno dell’incontro che bisogna leggere tutto l’itinerario che da Ankara ha portato il Pontefice a Istanbul. Viaggio che da una parte si è rivolto ai musulmani e dall’altra alle Chiese sorelle dell’ortodossia. E a tenere insieme le due facce di questo incontro vi è una realtà misteriosa, lo Spirito santo.

È lo Spirito infatti ad animare la Chiesa, ha ricordato Francesco celebrando per i fedeli cattolici di diversi riti raccolti nella cattedrale di Istanbul, dove prima di partire il Papa ha poi voluto incontrare una rappresentanza di profughi soprattutto dalla Siria e dall’Iraq, rifugiati in Turchia per salvarsi dalla ferocia terrorista, essendosi rivelata impossibile la visita in uno dei campi che li ospitano. «Solo lo Spirito Santo può suscitare la diversità, la molteplicità e, nello stesso tempo, operare l’unità» ha osservato, aggiungendo che è lo stesso Spirito a costituire l’armonia.

Anima della Chiesa — e dunque della missione a cui può davvero rispondere solo uscendo da se stessa — lo Spirito la investe con un vento «che non trasmette un potere, ma abilita ad un servizio di amore, un linguaggio che ciascuno è in grado di comprendere». Qui, nel soffio dello Spirito divino, sta anche la radice del suo cammino, ribadito con forza dagli anni del concilio e orientato a incontrare con amicizia ogni essere umano, senza distinzione di fede o di ideologia.

E di nuovo la logica dell’incontro personale si è manifestata in questi giorni in Turchia, meta di quattro viaggi papali in meno di cinquant’anni e dove la mano tesa di Francesco si è aperta con fiducia per stringere quella di autorevoli esponenti musulmani, come il Papa ha ricordato nella conferenza stampa durante il volo di rientro. Bisogna fare «un salto di qualità» nel dialogo tra cristiani e musulmani — ha detto tra l’altro il Pontefice — ed è urgente che tutti i leader islamici condannino la violenza e l’intolleranza, incompatibili con un’autentica fede in Dio.

Viaggio di amicizia, i tre giorni del Papa in Turchia segnano una tappa a ragione definita storica nel cammino verso l’unione tra le Chiese di Roma e di Costantinopoli, ma più in generale tra cattolici e ortodossi. E davvero i gesti e le parole di Francesco e di Bartolomeo hanno richiamato le intuizioni e l’azione di Atenagora e di Paolo VI che mezzo secolo fa ebbero il coraggio di iniziare, dopo oltre un millennio di divisione e inimicizia, un cammino nuovo. Percorso dai loro successori Demetrio, Giovanni Paolo ii e Benedetto xvi perché nell’unità risplenda soltanto la luce di Cristo.

g.m.v.

Nessun commento:

Posta un commento