Image Cross Fader Redux /* BOX POP UP PAPA FRANCESCO INIZIO */ /* BOX POP UP PAPA FRANCESCO FINE */
Maria è pozzo d'amore ove l'anima in Cristo s'immerge

In nomine Patris, et Filii, et Spiritus Sancti. Amen.
Orate fratres Deum pro Pontificem Maximo Francisco, pro exaltatione Sanctae Ecclesiae ac haeresum extirpatione, pro nationum concordia, pro principibus christianis, pro tranquilitate populorum, ut omnes una aeternis gaudiis tandem perfruamur.
Custodi nos Domine ut pupilam oculi sub umbra alarum tuarum protege nos.
Gloria Patri, et Filio, et Spiritui Sancto. Sicut erat in principio, et nunc, et semper, et in saecula saeculorum. Amen.

Una passo del Vangelo per te

UN PASSO DEL VANGELO PER TE

Domenica 5 gennaio 2014: Vangelo di Giovanni (1,1-18) con meditazione

II Domenica di Natale - Anno A
"A quanti però l'hanno accolto, ha dato potere di diventare figli di Dio"
In principio era il Verbo, il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio.
Egli era in principio presso Dio: tutto è stato fatto per mezzo di lui, e senza di lui niente è stato fatto di tutto ciò che esiste.
In lui era la vita e la vita era la luce degli uomini; la luce splende nelle tenebre, ma le tenebre non l'hanno accolta.
Venne un uomo mandato da Dio e il suo nome era Giovanni. Egli venne come testimone per rendere testimonianza alla luce, perché tutti credessero per mezzo di lui.
Egli non era la luce, ma doveva render testimonianza alla luce.
Veniva nel mondo la luce vera, quella che illumina ogni uomo.
Egli era nel mondo, e il mondo fu fatto per mezzo di lui, eppure il mondo non lo riconobbe.
Venne fra la sua gente, ma i suoi non l'hanno accolto.
A quanti però l'hanno accolto, ha dato potere di diventare figli di Dio: a quelli che credono nel suo nome, i quali non da sangue, né da volere di carne, né da volere di uomo, ma da Dio sono stati generati.
E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi; e noi vedemmo la sua gloria, gloria come di unigenito dal Padre, pieno di grazia e di verità.
Giovanni gli rende testimonianza e grida: «Ecco l'uomo di cui io dissi: Colui che viene dopo di me mi è passato avanti, perché era prima di me».
Dalla sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto e grazia su grazia.
Perché la legge fu data per mezzo di Mosè, la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo. Dio nessuno l'ha mai visto: proprio il Figlio unigenito, che è nel seno del Padre, lui lo ha rivelato.
------------------------------------------------------------------------------------------------------

MEDITA
Il susseguirsi delle liturgie in questo tempo di natale non ci dà tregua. Il messaggio natalizio risuona con insistenza e con forza: Dio si fa uomo, assume la natura umana, si rende visibile ed è pronto a farci conoscere il suo volto fissando con noi un appuntamento importante sul Golgota, dove si rivelerà in pienezza. Un bambino è offerto alla nostra meditazione e con Lui, con le sue scelte future, con la sua umanità, con il suo relazionarsi con gli uomini e con le donne che incontrerà, fino alla sua morte in croce, siamo chiamati a confrontarci, a domandarci se tutto ciò non nasconda qualcosa di grande per ciascuno di noi.
Il vangelo di questa domenica è lo stesso del giorno di natale e ci ripresenta la grandezza del mistero che in questi giorni stiamo osservando come alla lente di ingrandimento. La persona di Gesù racchiude in sé qualcosa di così grande che è necessario approfondire molto per cercare di coglierne, almeno in parte, la grandezza. All'evangelista Giovanni piace l'immagine della luce, quella vera, per parlarci della Parola eterna che si fa carne. Il Natale è lo svelarsi della luce, ma, ahimè, è anche il drammatico rifiuto delle tenebre, ovvero lo svelarsi del mistero del male che rifiuta con tutte le proprie forze la luce che splende.
Capisco che non ci fa piacere in questi giorni toccare questo tasto dolente, ma è la verità, la prima da accogliere, la prima luce da far splendere: il male che ci abita oppone un netto rifiuto all'incarnazione della Parola. Sembra paradossale: secoli di attesa e quando arriva il momento piuttosto che la gioia, l'atteggiamento più diffuso è l'indifferenza, segno di un violento rifiuto. Non me ne vogliate, ma la mia esperienza personale e pastorale in questi anni di ministero mi fanno giungere ad un'amara conclusione: il natale è tutto tranne che gioia profonda per il mistero di Colui che è nato per finire su una croce, respinto dagli uomini come il peggiore dei malfattori.
Il bambino tenero che muove a compassione tutti in realtà è il Crocifisso, l'uomo della Croce, che si dispone a portare il peso delle tenebre che lo rifiutano. Il filo rosso che percorre la vita di questo bambino nella povertà della mangiatoia ha solo il suo inizio; per Lui la vita sarà un continuo scendere fino all'umiliazione della morte di croce (cfr. Fil 2,5-8).
Se allora ci fermiamo un attimo, ci rendiamo subito conto che il Natale ha senso festeggiarlo se siamo proiettati già verso la Pasqua, se la mangiatoia ci rimanda alla croce o come piace molto agli orientali (vedi le icone), al sepolcro. Per vedere il vero volto di Dio non basta la mangiatoia di Betlemme è necessario che, dopo aver camminato dietro Gesù, ci dirigiamo al calvario e solo lì, nella contemplazione del Crocifisso capiremo che la sua storia, nascita compresa, va riletta alla luce della Pasqua.
Non è proprio quello che hanno fatto i Vangeli? E non è quello che ogni uomo, aiutato dai vangeli, riletti nella Chiesa, può fare?
Tra pochi giorni la liturgia ci prenderà per mano e ci accompagnerà in questo percorso, ma non ci accontentiamo di questo: cerchiamoci un piccolo gruppo di persone e, vangeli alla mano, meditiamo sulle parole e i gesti di Gesù. Vi assicuro che avremo molto da guadagnarci.

Meditazione di don Luca Orlando Russo tratta da: lachiesa.it
---------------------------------------------------------

"Si deve partire per un'avventura in cui chi calcola le cose non sei tu"
Don Giussani

Nessun commento:

Posta un commento