Image Cross Fader Redux /* BOX POP UP INIZIO */ /* BOX POP UP FINE */
Maria è pozzo d'amore ove l'anima in Cristo s'immerge

In nomine Patris, et Filii, et Spiritus Sancti. Amen.
Orate fratres Deum pro Pontificem Maximo Francisco,
pro exaltatione Sanctae Ecclesiae ac haeresum extirpatione,
pro nationum concordia,
pro principibus christianis,
pro tranquilitate populorum,
ut omnes una aeternis gaudiis tandem perfruamur.
Custodi nos Domine ut pupilam oculi sub umbra alarum tuarum protege nos.
Gloria Patri, et Filio, et Spiritui Sancto. Sicut erat in principio, et nunc, et semper, et in saecula saeculorum. Amen.

Una passo del Vangelo per te

UN PASSO DEL VANGELO PER TE

Dimissioni di Papa Benedetto XVI: news e TV

Commento di P. Livio sulle dimissioni di Papa benedetto XVI
Estratto dal messaggio di Papa Ratzinger.
(...) Tuttavia, nel mondo di oggi, soggetto a rapidi mutamenti e agitato da questioni di grande rilevanza per la vita della fede, per governare la barca di san Pietro e annunciare il Vangelo, è necessario anche il vigore sia del corpo, sia dell’animo, vigore che, negli ultimi mesi, in me è diminuito in modo tale da dover riconoscere la mia incapacità di amministrare bene il ministero a me affidato. (...)

Leggi il messaggio integrale del Santo Padre Benedetto XVI
Il pensiero di P. Livio sulle dimissioni del Papa

Si annunciano in queste prime ore speciali non-stop su tutte le emittenti TV.
Speciale Porta a Porta in prima serata che affronterà il tema: "Lo sgomento del mondo cattolico e le ragioni che hanno portato alle dimissioni del Papa".
- Tv2000 mette a disposizione dei fedeli un Numero Verde: 800.22.88.96.
- Padre Lombardi, portavoce della sala stampa vaticana, ha annunciato che la Sede Vacante scatterà alle 20.01 ora italiana del 28 febbraio 2013.
- La televisione di Stato cinese CCTV censura la notizia delle dimissioni di Papa Ratzinger.
- Le reazioni dei fedeli raccolte a Roma dopo la notizia delle dimissioni di Benedetto XVI sono di incredulità, sconcerto ma anche partecipazione e solidarietà. "Una decisione storica" per alcuni, "scioccante" per altri, "giusta se malato" per altri ancora. Ma c'è anche chi pensa che un papa debba restare tale fino alla morte. Erano 600 anni che un Papa non si dimetteva.
- Il Papa si ritirerà nel convento di clausura fatto preparare già da Giovanni Paolo II in Vaticano, in una vita di studio e di preghiera, ma senza fare vita di clausura.
- L'Osservatore Romano: La decisione del Papa presa già da molti mesi. Una decisione libera e fiduciosa nella provvidenza di Dio
- Scola: Sarà per il bene della Chiesa. Benedetto XVI è un uomo di Dio.
- Comunione & Liberazione: Una mossa di libertà senza precedenti, che privilegia innanzitutto il bene della Chiesa.
- Sodano: Brillerà sempre in mezzo a noi la stella del suo pontificato.
- Bagnasco: Addolorati, ma profondamente grati a Benedetto XVI.

5 commenti:

  1. Speriamo e preghiamo che il successore non ceda alle istanze sociali che fanno pressione oggigiorno per allontanare la Chiesa dal suo compito precipuo di difendere la "verità" insegnataci dal Cristo. E che i "tiepidi" nella fede non vedano questo gesto come un "gettare la croce" per rispondere a istanze egoistiche...purtroppo l'individualismo imperante potrebbe portare a plaudire questo gesto, ma il confronto ineludibile con la fine di Wojtyla abbracciato alla croce è davanti agli occhi di tutti e fa riflettere. Per molte pecorelle del gregge è più importante ed eloquente l'esempio concreto che il proprio pastore dà, rispetto ai virtuosismi teologici. Con questo non si vuole sostenere che qui si tratti di predicare bene e razzolare male, ma solo che il mondo si sta interrogando, chi con gli occhi della ragione, chi con quella della fede, su cosa stia succedendo alla Chiesa e il pensiero di molti corre ai segreti di medjugorie e ai continui accorati appelli della Madre Celeste di pregare per i pastori! La paura di molti è proprio questa, perchè senza pastore siamo perduti. Non ci resta che pregare e che Dio mandi la sua grazia sul Conclave.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wojtyla abbracciato alla croce ...
      Wojtyla si era fatto Cristo in terra.
      La mia conversione, o meglio, il mio ritorno è iniziato con Lui.
      In qualche misura gli appartenevamo tutti, perché col suo sacrificio aveva assunto tutta l'umanità, sull'esempio di Cristo Gesù.

      Elimina
  2. In effetti stiamo vivendo una sensazione di vuoto che ingerera un certo smarrimento...
    Certo non eravamo preparati a questo, ma non essendo neppure lontanamente un gregge allo sbando, confidiamo nel Buon Pastore e nello Spirito Santo.
    In questo momento tocca anche a noi, come chiede la Santa Madre, offrire digiuno e preghiera per i Pastori e per la S. Chiesa.

    RispondiElimina
  3. Ha compiuto un gesto altamente profetico. I profeti denunciavano i mali presenti nel popolo con delle azioni simboliche estremamente significative finalizzate ad indurre al rinnovamento e alla conversione; è quanto ha bisogno la chiesa del nostro tempo a partire dalle più alte cariche ecclesiastiche(l'esempio viene dall'alto) fino all'ultimo fedele.

    RispondiElimina
  4. Sono d'accordo, ma c'è bisogno di conversione in ogni ambito, anche nella politica italiana.
    Si deve però rilevare come spesso noi ci nascondiamo facilmente dietro il dito indice.
    La responsabilità di un insuccesso si può avere non solo in quanto partecipi, ma anche e soprattutto qualora ci si estranei dalla partecipazione attiva.
    Vale per la società come per la Chiesa.

    RispondiElimina