Image Cross Fader Redux /* BOX POP UP INIZIO */ /* BOX POP UP FINE */
Maria è pozzo d'amore ove l'anima in Cristo s'immerge

In nomine Patris, et Filii, et Spiritus Sancti. Amen.
Orate fratres Deum pro Pontificem Maximo Francisco,
pro exaltatione Sanctae Ecclesiae ac haeresum extirpatione,
pro nationum concordia,
pro principibus christianis,
pro tranquilitate populorum,
ut omnes una aeternis gaudiis tandem perfruamur.
Custodi nos Domine ut pupilam oculi sub umbra alarum tuarum protege nos.
Gloria Patri, et Filio, et Spiritui Sancto. Sicut erat in principio, et nunc, et semper, et in saecula saeculorum. Amen.

Una passo del Vangelo per te

UN PASSO DEL VANGELO PER TE

Domenica 9 dicembre 2012: dal Vangelo secondo Luca (3,1-6)

II Domenica di Avvento - Anno C
"Preparate la via del Signore"
Nell'anno quindicesimo dell'impero di Tiberio Cesare, mentre Ponzio Pilato era governatore della Giudea, Erode tetràrca della Galilea, e Filippo, suo fratello, tetràrca dell'Iturèa e della Traconìtide, e Lisània tetràrca dell'Abilène, sotto i sommi sacerdoti Anna e Càifa, la parola di Dio venne su Giovanni, figlio di Zaccaria, nel deserto.
Egli percorse tutta la regione del Giordano, predicando un battesimo di conversione per il perdono dei peccati, com'è scritto nel libro degli oracoli del profeta Isaia:
«Voce di uno che grida nel deserto:
Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri!
Ogni burrone sarà riempito, ogni monte e ogni colle sarà abbassato; le vie tortuose diverranno diritte e quelle impervie, spianate.
Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!».


COMMENTO
Luca è l'unico evangelista che parla espressamente della vocazione di Giovanni Battista, cioè di colui che prepara la venuta di Gesù. Da storico attento ai fatti la inserisce nel contesto storico-religioso del tempo: la situazione dell’impero romano e dei territori occupati o amministrati da esso. Accanto alle potestà terrene ricorda due potestà spirituali, i due sommi sacerdoti Anna e Caifa. Egli vuole far risaltare che è arrivato il momento predetto dai profeti ed atteso e che la storia universale si trova alla sua grande svolta: il suo centro è ormai Gesù.
Nello stile solenne del linguaggio profetico dell’Antico Testamento Luca annota che la parola di Dio fu diretta a Giovanni, figlio di Zaccaria, che viveva nel deserto, luogo tradizionale per l’incontro con Dio. Giovanni, pur essendo stato colto dalla parola di Dio nel deserto, lo lascia per andare incontro alla gente dove essa si trova: “egli percorse tutta la regione del Giordano, predicando un battesimo di conversione per il perdono dei peccati.” Giovanni si riconosce nella voce dell’annunciatore anonimo - predetto dal profeta Isaia (Is 40,3-5) - che aveva il compito di preparare la via al popolo che Dio prodigiosamente faceva ritornare dall’esilio babilonese:“ Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri! Ogni burrone sia riempito, ogni monte e ogni colle sia abbassato; i passi tortuosi siano diritti; i luoghi impervi spianati. Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!”.
Ma il compito di Giovanni è più grande dell’anonimo banditore di cui parla Isaia, perché egli annuncia che ogni uomo vedrà la salvezza che apporterà Gesù. Il suo battesimo non è uno dei tanti riti di immersione in uso presso gli ebrei di quel tempo; esso è dato in vista della venuta di Gesù.
L’invito di Giovanni a preparare la via del Signore fa riferimento non soltanto all’imminente venuta di Gesù, ma anche alla trasformazione della vita: i monti da abbassare sono gli egoismi, il senso di superiorità, di privilegio, gli abusi del potere, la superbia, l’arroganza, le ingiustizie. I burroni e le valli da riempire sono gli atteggiamenti di sconforto, di sfiducia, di abbattimento.
Domenica scorsa la Chiesa ci ha richiamati all’atteggiamento di vigilanza, di preghiera che deve caratterizzare costantemente la vita del cristiano.Questa Domenica ci invita a prendere coscienza che la conversione della vita deve essere una nostra continua preoccupazione. Essa è un cambiamento che non si realizza mai pienamente. Sempre vi è qualcosa in noi che tenta di sottrarsi alla volontà di Dio. Conversione significa cambiamento di mentalità, di vita. Essa non consiste solamente nel pentimento, nella deplorazione del male compiuto; ma esige anche una trasformazione interiore, un cambiamento di vita, un sincero ritorno a Dio. Comporta anzitutto un mutamento di valutazione, di giudizio, di convinzioni.

RIFLESSIONE
Ognuno di noi è chiamato ad un serio esame di coscienza,chiedendosi: quali sono i pensieri, gli atteggiamenti incoerenti che devo riportare nella direzione del Signore?
Nella Liturgia odierna possiamo cogliere un altro messaggio. La missione di Giovanni Battista è anche la nostra; siamo chiamati a gridare nel deserto del mondo: "Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri!". Annunciare Gesù è compito grave ed urgente di ogni cristiano. Ma quale Gesù dobbiamo annunziare? Non un personaggio storico del passato, del quale si può parlare,ma al quale non si può parlare. Annunziamo una persona: Gesù vivo risorto, presente nella storia,al quale non soltanto possiamo parlare, ma il quale vuole venire a contatto con noi per liberarci dal peccato, fare comunione con noi, dare senso pieno alla nostra vita.

Ristabilisci, Signore, la nostra sorte,
come i torrenti del Negheb.
Chi semina nelle lacrime
mieterà nella gioia.
(dal Salmo 125)

Si ringrazia la fonte: www.odigitria.it