Image Cross Fader Redux /* BOX POP UP INIZIO */ /* BOX POP UP FINE */
Maria è pozzo d'amore ove l'anima in Cristo s'immerge

In nomine Patris, et Filii, et Spiritus Sancti. Amen.
Orate fratres Deum pro Pontificem Maximo Francisco,
pro exaltatione Sanctae Ecclesiae ac haeresum extirpatione,
pro nationum concordia,
pro principibus christianis,
pro tranquilitate populorum,
ut omnes una aeternis gaudiis tandem perfruamur.
Custodi nos Domine ut pupilam oculi sub umbra alarum tuarum protege nos.
Gloria Patri, et Filio, et Spiritui Sancto. Sicut erat in principio, et nunc, et semper, et in saecula saeculorum. Amen.

Una passo del Vangelo per te

UN PASSO DEL VANGELO PER TE

Domenica 23 febbraio 2014: Vangelo di Matteo (5, 38-48) con meditazione

VII Domenica del Tempo Ordinario - Anno A
"Siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste"
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Avete inteso che fu detto: “Occhio per occhio e dente per dente”. Ma io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi, se uno ti dà uno schiaffo sulla guancia destra, tu pórgigli anche l’altra, e a chi vuole portarti in tribunale e toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello. E se uno ti costringerà ad accompagnarlo per un miglio, tu con lui fanne due. Da’ a chi ti chiede, e a chi desidera da te un prestito non voltare le spalle.
Avete inteso che fu detto: “Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico”. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti. Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste».
------------------------------------------------------------------------------------------------------

MEDITA
Da sempre tutti gli dei di ogni altra religione sono vendicativi e pieni di rancore, e solo il Dio rivelatosi in Gesù Cristo non lo è (e questa è un’altra conferma che solo la nostra religione è autentica), solo questo Dio ha rivelato agli uomini che dona il sole e la pioggia anche a chi lo offende e che questo Dio comunque continua a chiamare “figli”.
Il messaggio di Gesù è allora “Siate perfetti nella misericordia, siate eroici e totalitari nel perdono, ad imitazione del Padre VOSTRO”. Tutto ciò è stato adempiuto da Gesù e subito dopo dal primo martire cristiano (Santo Stefano) che sulla croce o nella lapidazione hanno perdonato e pregato per i loro carnefici.
Vogliamo ancora chiamarlo un traguardo ideale? Vogliamo continuare a dire che Gesù è venuto a portare una morale grande e divina alla misura nostra piccola e umana? E invece no. Non Dio alla misura umana, ma è venuto a proporre che l’uomo salga alla misura di Dio!
Poiché ciò è possibile, e oltre ai due che ho già citato, ci sono un numero elevatissimo di santi e di martiri che hanno davvero raggiunto questo traguardo proposto.
Io e te invece siamo cristiani ancora in cammino, verso la perfezione e verso il Regno, ancora nella necessità, ad esempio, di tornare a perdonare più volte il fratello perché non siamo stati capaci di perdonarlo del tutto la prima volta. Insomma siamo ancora cristiani che cadono e si rialzano e soprattutto riprendono, seppur con fatica, a camminare di nuovo.
In senso cristiano la preghiera è la ricompensa che il nemico riceve in cambio del male che ha fatto.
Amare i nemici, non è semplice. Ricordo la preghiera di un'anziana signora in una favelas del Brasile, a cui gli squadroni della morte avevano torturato e ucciso due figli perché sindacalisti; diceva: "Signore, fammi vendetta, converti il cuore di coloro che hanno assassinato i miei figli".

Estratto della meditazione tratta da: parrocchiaspiritosanto.org
---------------------------------------------------------

"Si deve partire per un'avventura in cui chi calcola le cose non sei tu"
Don Giussani

Nessun commento:

Posta un commento