Image Cross Fader Redux
Ciascuno di noi è un messaggio che Dio manda al mondo (P. G. Vannucci OSM)
OREMUS Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio, Santa Madre di Dio: non disprezzare le suppliche di noi che siamo nella prova, ma liberaci da ogni pericolo, o Vergine gloriosa e benedetta.

Una passo del Vangelo per te

UN PASSO DEL VANGELO PER TE

Domenica 19 gennaio 2014: Vangelo di Giovanni (1,29-34) con meditazione

II Domenica del Tempo Ordinario - Anno A
"Ecco l'agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo"
In quel tempo, Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: «Ecco l'agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! Egli è colui del quale ho detto: Dopo di me viene un uomo che è avanti a me, perché era prima di me. Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare nell'acqua, perché egli fosse manifestato a Israele». Giovanni testimoniò dicendo: «Ho contemplato lo Spirito discendere come una colomba dal cielo e rimanere su di lui. Io non lo conoscevo, ma proprio colui che mi ha inviato a battezzare nell'acqua mi disse: Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, è lui che battezza nello Spirito Santo. E io ho visto e ho testimoniato che questi è il Figlio di Dio».
------------------------------------------------------------------------------------------------------

MEDITA
«Viene uno che era prima di me». Vedo, con gli occhi di Giovanni, il venire infaticato di Dio. Viene verso di me, eterna­mente incamminato lun­go il fiume dei giorni, cari­candosi di tutta la lonta­nanza; viene negli occhi dei fratelli, negli uccisi co­me agnelli, viene lungo quella linea di confine tra bene e male, tra morte e vi­ta, dove ancora si gioca il tuo destino e, in te, il de­stino del mondo.«Ecco l'agnello di Dio, co­lui che toglie il peccato del mondo». Non i peccati, ma il peccato; non toglie i sin­goli comportamenti mala­ti, ma guarisce ? se lo ac­cogli ? la radice del cuore dove tutto ha origine.
Il peccato del mondo è u­na parola enorme, in cui risuonano i passi della morte. Il peccato è sce­gliere la morte: «io ti ho po­sto davanti la vita e la mor­te: scegli. Ma scegli la vi­ta!» ( Deut 30,19). È questo il comando originario, fon­tale, sorgente di tutti i co­mandi. Legge di Dio è che l'uomo scelga. Dio è un imperativo di libertà. Leg­ge di Dio è che l'uomo vi­va. Dio è un imperativo di vita. Scegliere la vita è il comandamento che rias­sume in sé tutti gli altri, l'asse primordiale attorno a cui ruotano gli imperati­vi divini. Gesù è venuto co­me datore di vita, come in­cremento d'umano: buo­no è ciò che costituisce l'uomo in umanità, male ciò che lo distrugge in u­manità.
«Ecco l'agnello di Dio» e­quivale a dire: «Ecco colui che prende su di sé la mor­te di tutti con la propria morte. Ecco la morte di Dio perché non ci sia più morte». Un abisso dal qua­le emerge la differenza cri­stiana: in tutte le religioni gli dèi chiedono sacrifici, Gesù sacrifica se stesso; in tutte le fedi gli dèi preten­dono offerte, nel Vangelo Gesù porta in offerta la propria vita.
Nel Vangelo il peccato è presente, e tuttavia è as­sente; Gesù ne parla solo per dirci: è perdonato, è tolto, o almeno è perdona­bile, sempre. Come Lui, il cristiano non annuncia condanne, ma testimonia il volto di Dio capace di di­menticarsi dietro una pe­cora smarrita, un bambi­no, un'adultera, capace d'amare fino a morire, fi­no a risorgere. Il peccato è non conoscere questo Dio, è l'ombra sul suo volto. Ge­sù è venuto a togliere il ve­lo che celava e oscurava il volto di Dio. Un Dio agnel­lo! Non l'onnipotente, ma l'ultimo nato del gregge; non il giudice supremo, ma il piccolo animale dei sacrifici. Peccare significa non accettare questa tene­rezza e umiltà di Dio..

Meditazione di Padre Ermes Ronchi tratta da: lachiesa.it

Nessun commento:

Posta un commento