Image Cross Fader Redux /* BOX POP UP INIZIO */ /* BOX POP UP FINE */
Maria è pozzo d'amore ove l'anima in Cristo s'immerge

In nomine Patris, et Filii, et Spiritus Sancti. Amen.
Orate fratres Deum pro Pontificem Maximo Francisco,
pro exaltatione Sanctae Ecclesiae ac haeresum extirpatione,
pro nationum concordia,
pro principibus christianis,
pro tranquilitate populorum,
ut omnes una aeternis gaudiis tandem perfruamur.
Custodi nos Domine ut pupilam oculi sub umbra alarum tuarum protege nos.
Gloria Patri, et Filio, et Spiritui Sancto. Sicut erat in principio, et nunc, et semper, et in saecula saeculorum. Amen.

Una passo del Vangelo per te

UN PASSO DEL VANGELO PER TE

Le false dottrine dei testimoni di Geova

Noi crediamo nella S.S. Trinità e non ai seguaci di Charles Taze Russel, i testimoni di Geova.
Proseguiamo la pubblicazione (doverosa) su chi sono, che cosa fanno e come i testimoni di geova riescano a circuire, similmente come accade in politica, quanti possono sentirsi delusi dalla Religione Cattolica  per i più svariati motivi, spesso anche banali. Vi invito anche a fare una ricerca sul web per approfondire ulteriormente l'argomento.

Ricordiamo ancora che i testimoni di Geova sono una ASSOCIAZIONE e non una religione.
Il messaggio centrale dei testimoni di Geova, quello che spiega il loro successo, è l'annuncio di un nuovo mondo: un messaggio che risponde ai desideri degli uomini e soddisfa le loro attese nel modo più facile ed allettante. Uno degli opuscoletti diffusi dai testimoni di Geova è La buona notizia del regno e proprio ad esso attingeremo, citando brani anche estesi, per avere davanti a noi le loro dottrine nelle stesse loro parole (se non c'è altra indicazione, i numeri di pagina si riferiscono a questo opuscolo).

La Trinità.
I testimoni di Geova negano con forza la Trinità. "C'è un solo vero Dio che è onnipotente e supremo... Chi vuole la vita, incluso il Suo Figlio principale, Cristo Gesù, deve riconoscere la Sua supremazia ed assoggettarsi a Lui" (p. 5). "Gesù e Geova-Dio non sono la stessa persona, né Gesù è uguale a Dio. Solo Geova è supremo" (p. 6). Lo Spirito Santo è soltanto la potenza di Dio, non è personale né divino.
Che cosa rispondere a queste affermazioni? L'insegnamento biblico intorno alla Trinità nasce dal fatto che nella Bibbia tre Persone vengono riconosciute come divine: il Padre, il Figlio, lo Spirito Santo. Basta vedere le numerose, esplicite testimoniante di Genesi 1:26; Matteo 28:19; 1 Corinzi 12:4-6; 1 Pietro 1:2, 1 Giovanni 5:7,8.

La negazione della divinità di Gesù Cristo e la sua uguaglianza con Dio Padre pone i testimoni di Geova al di fuori del Cristianesimo.
La Parola di Dio dichiara riguardo a Cristo: "Poiché in Lui abita corporalmente tutta la pienezza della Deità" (Colossesi 2:9). "Nel principio era la Parola, e la Parola era con Dio, e la Parola era Dio" (Giovanni 1:1). "Poiché Egli, che era sempre stato Dio per la Sua natura, non si tenne stretto alle Sue prerogative di uguaglianza con Dio, ma si svestì di ogni privilegio acconsentendo d'essere uno schiavo e di nascere come un uomo mortale" (Filippesi 2:6,7). Espiazione e riscatto. Poiché riconoscono che l'uomo è un peccatore, anche se il loro concetto di peccato non è profondo, i testimoni di Geova descrivono la redenzione come un riscatto: "Così Geova-Dio, mandato il Suo Figliuolo Gesù Cristo sulla terra, per mezzo di Lui e della Sua morte provvide un prezzo di riscatto... Per mezzo del riscatto Cristo Gesù ricuperò ciò che era perduto, ossia una perfetta vita umana con i suoi diritti e le sue prospettive terrene" (p. 13). Avendo dato questa vita umana, Egli non potè riprenderla e quindi risuscitò come "creatura di Spirito". "La Bibbia indica che per mezzo di questo riscatto ad alcuni sarà data la vita nei cieli, ed altri sulla terra" (p. 15). Notate che ciò che fu perduto, e che doveva perciò essere redento non è la vita spirituale, ma "la perfetta vita umana con i suoi diritti e le sue prospettive terrene".
Secondo questa setta, la morte di Gesù ha semplicemente ristabilito il diritto dell'uomo di vivere una tranquilla vita di perfezione sulla terra. C'è qui ben poca consapevolezza del peccato quale grave offesa contro un Dio santo, né si comprende la profonda necessità di un'espiazione vicaria, compiuta da Cristo per mezzo del suo sangue, perché la giustizia e la santità di Dio ricevessero soddisfazione. In Matteo 20:28 e in Marco 10:45 la morte di Gesù viene descritta come un riscatto, ma Giovanni 1:29 e 1 Pietro 2:24 mostrano che l'obiettivo di questa morte era la liberazione dal peccato, non la semplice acquisizione di una benedizione terrena. I testimoni di Geova hanno una visione inesatta del peccato, della salvezza, della redenzione e dell'espiazione vicaria mediante il sangue di Cristo.
"Milioni ora viventi non moriranno mai". Questo titolo viene spesso diffuso come un messaggio. La convinzione dei testimoni di Geova è che fra non molto, durante l'attuale generazione, Dio distruggerà le forze di Satana nella battaglia di Harmaghedon. Nel giorno in cui questa battaglia avverrà Satana sarà annientato per sempre e, da quel momento, tutti coloro che hanno accettato il messaggio dei testimoni di Geova vivranno una vita felice su una terra rinnovata. Quando i testimoni di Geova annunziarono una conferenza che aveva il titolo sopra riportato, un Pastore evangelico ideò un eloquente messaggio in risposta a quel titolo. Fondandosi su Efesini 2:2, egli annunciò un sermone sul tema: "Milioni ora viventi sono già morti".

La speranza su cui insistono i testimoni di Geova, legata alla terra, indica che la loro religione è priva della speranza del cielo e rivela che il loro anelito è rivolto a qualcosa di terreno: è rivolto ad una vita più facile sulla terra senza dover passare per il ravvedimento. È, come ben si vede, qualcosa di ben poco elevato e di molto grossolano. Questo spiega, in gran parte, la facilità con cui molti aderiscono alla setta; per il resto, tale adesione viene spiegata con la ossessiva opera di convincimento che viene compiuta dai propagandisti e dai responsabili della setta. La seconda venuta di Gesù. Secondo i testimoni di Geova, Gesù è ritornato nel 1914. "Quando Gesù disse che sarebbe ritornato, non intese dire che sarebbe ritornato in carne visibile agli uomini viventi sulla terra. Egli ha dato la Sua vita terrena come un riscatto e non può perciò riprendersi tale vita... La Buona Notizia per oggi è che Cristo Gesù è ritornato, che il Regno di Dio per mezzo di Lui è stato stabilito ed estende attualmente la Sua legge al cielo..." (p.19). "Tutte le prove dimostrano che Gesù ha assunto il potere del Regno ed ha incominciato il Suo regno dal cielo nell'anno 1914" (p.21). Quali prove i testimoni di Geova presentano per dimostrare che Cristo è "ritornato" nel 1914? Essi indicano Matteo 24:3,7,8, dove guerre, carestie, terremoti e dolori sono preannunziati come segni del ritorno del Signore (pp. 20,21). In realtà, questi sono i segni preannunciati dal Signore per il Suo ritorno, ma i testimoni di Geova dimenticano che il ritorno del Signore fu promesso come un ritorno visibile: "Uomini Galilei, perché state a guardare verso il cielo? Questo Gesù che è stato tolto da voi ed assunto in cielo, verrà nella medesima maniera che l'avete veduto andare in cielo" (Atti 1:11). Lo stesso capitolo del Vangelo di Matteo al quale i testimoni di Geova rimandano riguardo ai segni, contiene la promessa: "E allora apparirà nel cielo il segno del Figliuolo dell'Uomo, ed allora tutte le tribù della terra faranno cordoglio e vedranno il Figliuol dell'Uomo venire sulle nuvole del cielo con gran potenza e gloria" (Matteo 24:30). È sufficiente un altro versetto, per smentire questa dottrina. Dopo la Sua risurrezione, Gesù disse a coloro i quali pensavano che Egli fosse uno spirito: "Guardate le mie mani ed i miei piedi, perché sono ben io; palpatemi e guardate; perché uno spirito non ha carne e ossa come vedete che io ho" (Luca 24:39).
Esiste un inferno senza fine? Nell'opuscolo dei testimoni di Geova si legge: "Alcune organizzazioni religiose sostengono che ci sarà una vita nel cielo o un tormento eterno in un fuoco d'inferno. Come abbiamo visto, la Bibbia non sostiene l'idea di un tormento eterno e non limita la speranza di una vita futura di pace e di felicità soltanto in cielo" (p. 18). "Così, quando una persona muore, la sua anima non va direttamente in cielo, e non va neppure in un luogo di tormento chiamato inferno" (p. 11). "La pura e semplice verità a questo riguardo è che, quando una persona muore, entra nell'incoscienza e non sa più nulla" (p. 12).
I testimoni di Geova condividono con gli Avventisti del Settimo Giorno la teoria del sonno delle anime, ossia la convinzione che le persone, morendo, cessano d'esistere. Questi due gruppi condividono anche la credenza che il destino dei malvagi sia l'annientamento totale e che l'anima non si separa mai dal corpo: se muore il corpo, muore anche l'anima. Che questa sia una convinzione del tutto falsa appare chiaramente da Matteo 10:28: "E non temete coloro che uccidono il corpo, ma non possono uccidere l'anima; temete piuttosto colui che può far perire il corpo e l'anima nella geenna" (vedi anche Apocalisse 20:15).

Usanze civili.
Ormai da lungo tempo i testimoni di Geova sono fermi nel loro rifiuto di salutare la bandiera nazionale. "I Testimoni di Geova non salutano la bandiera di alcuna nazione" (Let God be true, 1946 p. 234). Essi si oppongono fermamente al servizio militare di ogni tipo, anche in forze non combattenti. Per poter restar fermi in queste loro prese di posizione, alquanto arbitrarie e per la verità poco civili, i testimoni di Geova ignorano completamente Romani 13:1-15. In questo passo, infatti, Paolo insiste che i cristiani devono essere soggetti ai conduttori della nazione e li devono onorare con l'ubbidienza; al v. 5 l'apostolo spiega anche il motivo per cui devono comportarsi così: "Perciò è necessario star soggetti non soltanto a motivo della punizione, ma anche per motivi di coscienza". A partire dal 1945 giunsero alla conclusione, annunziata nella Torre di Guardia, che le trasfusioni di sangue sono contrarie alla legge divine. Questa convinzione deriva da un'interpretazione chiaramente arbitraria ed errata di Levitico 17:14.

Conclusione
Tirando un po' le somme su questo movimento, innanzitutto rileveremo che i testimoni di Geova presentano "un altro vangelo", grossolano e terreno: essi non hanno alcuna speranza nel ritorno visibile di Cristo o in un'eterna gioia in cielo, alla presenza di Dio. Il loro è un tentativo di raggiungere un "nuovo mondo" senza passare attraverso la rigenerazione personale (la nuova nascita in Cristo) che è proprio il requisito fondamentale posto dal Vangelo. Inoltre le opere hanno, in questo movimento come in tutte le dottrine umane, un'importanza preminente: "Per ottenere l'approvazione finale da parte di Geova", spiega This Good News of the Kingdom, bisogna "restare fedeli a Geova fino ad Harmaghedon, e poi nel nuovo mondo. Se volete essere fra queste persone, dovete dimostrare di essere il tipo di persona che Geova vuole in questo mondo" (p. 30).
Il concetto cristiano di grazia, il dono immeritato di un Dio d'amore sparisce. I testimoni di Geova dicono che riconoscono la Bibbia come l'unica Parola di Dio, la sola ad essere ispirata, e anche questo loro richiamarsi alla Bibbia spiega in parte il loro successo. Oggi, se interrogati al riguardo, essi negano di porre gli scritti di Russell o di Rutherford sullo stesso piano della Bibbia e molti di loro credono nella Bibbia, anche se ne ignorano gli insegnamenti. Ma di fatto hanno travisato il messaggio biblico giungendo perfino, molto temerariamente, a manipolare il testo delle Scritture. La loro traduzione della Bibbia l'hanno chiamata Traduzione del Nuovo Mondo ed ha subito modifiche al testo, in appoggio alla loro negazione della divinità di Cristo. L'ignoranza delle persone riguardo alla Bibbia e ai suoi insegnamenti ha fatto il gioco di questa organizzazione. Di tale ignoranza, infatti, approfittano i "testimoni" che vengono addestrati a dare alcune spiegazioni-tipo, partendo dal greco o dall'ebraico e facendo grande impressione sull'uomo comune non istruito.
Questo fatto è un urgente invito a studiare a fondo la Bibbia, per poter contrapporre la verità cristiana a tutte le sfrontate bugie di una dottrina che, inventata da un uomo (Charles Taze Russel) che non aveva il minimo senso delle cose spirituali, irretisce troppa gente spesso semplice e in buona fede.